Obama contro la destra: "Non sanno usare la tv e vogliono gestire Putin?"

La Casa Bianca risponde alle accuse sulle scelte in politica estera tacciando di inconsistenza gli avversari

Barack Obama fotografato durante un match dei Chicago Bulls
Barack Obama fotografato durante un match dei Chicago Bulls

È un battage continuo quello che dal campo repubblicano si scaglia contro Barack Obama, concenteandosi soprattutto su scelte in politica estera che alla destra americana non piacciono per niente e di cui accusano la Casa Bianca. Un fuoco incrociato che arriva dai candidati del Gop e a cui il presidente ha risposto ieri, durante una racconta fondi a New York.

C'è un po' di ironia nelle parole di Obama, ma neppure troppa, quando risponde ai repubblicani che "se non sono in grado di gestire" i moderati dei dibattiti televisivi, se insomma non sono in grado di destreggiarsi tra le domande che gli vengono rivolte, allora si augura che il suo successore sia ancora un democratico, e che abbia "un Congresso democratico con cui lavorare".

"Credo che i cinesi e i russi non saranno molto preoccupati", ha aggiunto Obama, ipotizzando che a insediarsi alla Casa Bianca dopo di lui sia invece un uomo del partito avverso e sbeffeggiando alcune iniziative dei rappresentanti del Gop, come quella volta un membro del Congresso portò un fiocco di neve in aula per parlare del riscaldamento globale.

Commenti