Elezioni USA 2020

Parte l'attacco di Saviano a Trump: "Nega la sconfitta perchè vuole l'immunità"

A pochi giorni dalla vittoria di Joe Biden alla presidenza della Casa Bianca, Roberto Saviano si è unito ai democratici nell'attacco mediatico verso Donald Trump: "Nega la vittoria di Biden per ottenere l'immunità legale e fiscale"

Parte l'attacco di Saviano a Trump: "Nega la sconfitta perchè vuole l'immunità"

Il 7 novembre 2020 Joe Biden è stato annunciato presidente degli Stati Uniti. Dopo una battaglia all’ultimo voto, il candidato dem si è aggiudicato anche Georgia e Pennsylvania, due tra gli stati dati come favoriti per la vittoria del presidente Donald Trump. Sono state giornate lunghe e difficili, durante le quali per la prima volta nella storia degli Stati Uniti, un presidente ha pubblicamente affermato che sono stati fatti dei “brogli elettorali” a suo sfavore. E ora il tycoon appare tutt’altro che pronto ad ammettere la sconfitta, annunciando una battaglia legale per il riconteggio dei voti nei cosiddetti “Stati chiave”.

A dire la loro sulla sconfitta dell’odiato Trump si sono espressi diversi giornalisti e politici dell'ala democratica del Belpaese, tra cui Roberto Saviano, dando vita ad un vero e proprio attacco mediatico nei confronti del presidente uscente. Lo scrittore partenopeo non ha mai nascosto il suo disappunto per quelli che definisce i populisti, da Matteo Salvini a Donald Trump, criticando aspramente le loro politiche. E all’indomani della vittoria (per ora) del dem Joe Biden, Saviano è tornato su Twitter per esprimere l’ennesimo parere sulla vicenda Trump vs Biden. L’autore di Gomorra introduce un argomento alquanto controverso a discredito della decisione di Trump di appellarsi alla Corte Suprema per il riconteggio dei voti, quella dell’immunità fiscale e legale. “Trump sta negando la vittoria a #Biden inventando brogli di cui non ha prove”, scrive Saviano, proseguendo così: “Sapete perché? Non crede davvero di fermare la vittoria dei dem. #Trump vuole ottenere immunità legale, immunità fiscale e protezione ai suoi beni. #TrumpvsBiden”. La tesi di Roberto Saviano è stata riportata anche da alcuni reporter americani, che come tutti i democratici sia d'oltreoceano che italiani, negano che vi sia stata una truffa nel conteggio dei voti elettorali

Ma non tutti sono d’accordo con lui. Sul noto social infatti, sono molti i sostenitori di Donald Trump scesi in campo a suo sostegno, criticando la presa di posizione e le accuse lanciate dallo scrittore di sinistra. “Inventando...?! tra qualche giorno ne riparliamo @robertosaviano... ci dica piuttosto qualcosa sul fatto che d dopo 4 giorni dalle elezioni si stiano ancora contando i voti nei collegi elettorali? Ma nemmeno nella Repubblica di Bananas succedono queste cose!”, ha commentato un utente sotto il post dello scrittore. E ancora: “È la democrazia bellezza, quel sistema che voi di sx appoggiate solo a parole. La vittoria del sig. NESSUNO dr. BIDEN si avrà solo alla fine del conteggio e riconteggio totale complessivo, ivi comprese le schede dei militari che sembrano sparite, svanite nel vento”. “Chiedere il riconteggio o le verifiche legali seguendo le regole stabilite dallo stesso sistema elettorale non mi pare sia negare la vittoria, o chiedere altro in cambio, ma rispettare le regole del loro sistema,

"The Donald" avrà anche perso e molti repubblicani come l’ex presidente George W. Bush hanno già fatto gli auguri al neo eletto Biden, saltando sul carro del vincitore e lasciando intendere che Trump dovrebbe ammettere la sconfitta e “andare avanti”. Ma la battaglia è aperta e siamo sicuri che il presidente uscente andrà fino in fondo, esigendo come suo diritto, il riconteggio dei voti, affinché le elezioni possano definirsi “legali” e concluse.

Commenti