Il pilota morto nel Mar Nero e la manovra d'emergenza che nel 2011 salvò l'equipaggio

Lo stesso aereo. Lo stesso pilota. Due finali diversi

Il pilota morto nel Mar Nero e la manovra d'emergenza che nel 2011 salvò l'equipaggio

Lo stesso aereo. Lo stesso pilota. Due finali diversi. Roman Volkov, con 3.500 ore di volo alle spalle, alla cloche del Tu-154 del Ministero della Difesa russo era riuscito a portare a termine un atterraggio d'emergenza il 29 aprile 2011. Allora velivolo ed equipaggio riuscirono a sottrarsi alla furia del vento e a mettersi in salvo: la manovra disperata del pilota permise di tornare sulla pista dell'aeroporto militare moscovita di Chkalovsky. La stessa striscia d'asfalto dalla quale il Tupolev inabissatosi a poche miglia dalla costa era partito alla volta di Sochi per quella che doveva essere la sua destinazione finale: la base russa in Siria per i festeggiamenti di Capodanno.

Ora Roman Volkov giace ora a 70 metri di profondità nel Mar Nero.

Autore

Commenti

Caricamento...
Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento