Presidenza del parlamento europeo: Metsola è la candidata del Ppe

Berlusconi esprime la propria soddisfazione per la scelta fatta, avendo egli stesso sostenuto la nomina dell'avvocato

Presidenza del parlamento europeo: Metsola è la candidata del Ppe

Sarà la maltese Roberta Metsola Tedesco Triccas la candidata del Ppe a concorrere per la carica di presidente del Parlamento europeo e quindi a succedere a David Sassoli.

L'avvocato classe '79, nato a St.Julians, ha avuto la meglio sugli altri due eurodeputati parlamentari candidati dal Partito popolare europeo, vale a dire l'olandese Esther De Lange e l'austriaco Othmar Karas. Le operazioni di voto, che hanno portato Metsola a prevalere sugli altri due concorrenti, si sono svolte "in modo segreto e molto democratico", stando a quanto riferito alla stampa dal capogruppo del Ppe Manfred Weber. "Dopo oltre vent'anni presentiamo una donna candidata alla presidenza del Parlamento Europeo. Se sarà eletta sarà la più giovane presidente del Parlamento", ha aggiunto il capogruppo del Partito popolare europeo ai giornalisti presenti alla conferenza stampa svoltasi a Strasburgo.

A sostenere la candidatura dell'avvocato maltese anche il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi, che ha espresso la propria soddisfazione per l'esito del voto. "Ho partecipato da remoto all'assemblea del gruppo del Partito popolare europeo", ha dichiarato su Twitter Berlusconi nel pomeriggio. "Abbiamo indicato l'onorevole Roberta Metsola quale nostro candidato a presidente del Parlamento europeo. Roberta è una grande amica dell'Italia e sarà un ottimo presidente, capace e imparziale", ha concluso il presidente di Forza Italia, che ha poi contattato l'avvocato maltese per congratularsi personalmente con lei.

Le parole di Metsola

"La seconda metà della legislatura sarà fondamentale per l'Europa", ha detto l'avvocato maltese dopo aver avuto la conferma della sua scelta. "Lavorerò duramente per continuare a costruire ponti in questa Camera". Roberta Metsola si dice certa di poter arrivare a un importante sodalizio anche con l'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici nel Parlamento europeo: "La mia priorità è creare legami e costruire ponti e maggioranze, maggioranze che includono anche il gruppo S&D".

Scelta dal 64% dei partecipanti al voto, Metsola è stata candidata alle elezioni europee del 2004 e a quelle del 2009, non risultando eletta in nessuno dei due casi. Nel 2013 prese il posto del dimissionario Simon Busuttil, una volta che quest'ultimo fu eletto al parlamento maltese. Alle consultazioni europee del 2014 e del 2019 venne invece confermata, risultando il candidato più votato del suo schieramento politico. Nel novembre dello scorso anno è stata scelta come vicepresidente vicario del Parlamento europeo, in sostituzione di Mairead McGuinness, divenuta nel frattempo commissario europeo.

Commenti