Preso a sputi da cliente, tassista Trevor Belle muore per coronavirus

La terribile vicenda a Londra. Spintonato e preso a sputi, Trevor è tornato a casa e dopo pochi giorni ha manifestato i primi sintomi del Covid-19, finendo subito in rianimazione

Una storia a dir poco drammatica quella del tassista londinese Trevor Belle, aggredito durante il lavoro da un giovane cliente affetto da coronavirus: contagiato da quest'ultimo, l'uomo è morto poco tempo dopo il suo ricovero in ospedale. Deciso a trasmettergli in morbo, infatti, il ragazzo gli aveva volontariamente sputato addosso, riuscendo purtroppo nel proprio abominevole intento.

A raccontare la terribile vicenda è la moglie di Belle, devastata dalla perdita. L'incubo, ricorda la donna, aveva avuto inizio lo scorso 22 marzo, quando il coniuge 60enne aveva accettato di far salire sul proprio taxi un soggetto descritto come un 19enne dal forte accento irlandese. Trevor aveva svolto il proprio dovere con la consueta professionalità, ma una volta arrivati a destinazione (West Ham Lane a Stratford, nell'est di Londra), il ragazzo si era rifiutato di pagare la corsa. Da qui l'accesa discussione, presto sfociata in scontro fisico.

Deciso ad andarsene senza privarsi delle nove sterline dovute al tassista, il giovane aveva attaccato il 60enne, per poi sputargli contro: "Ho il coronavirus, ora lo hai anche tu", aveva urlato prima di scappare, come riferito dal Guardian.

Un gesto di una crudeltà inaudita. Tornato a casa sotto choc, Trevor aveva raccontato tutto alla compagna, Kelly Esqulant, per poi provvedere a denunciare la vicenda alle forze dell'ordine. La minaccia del 19enne si era purtroppo concretizzata in brevissimo tempo. A soli 4 giorni di distanza dall'episodio, infatti, l'uomo aveva cominciato a manifestare i primi sintomi riconducibili al Covid-19.

Inutile la corsa al Royal Hospital di Londra: le condizioni del 60enne avevano continuato a peggiorare, tanto da costringere i medici ad indurgli il coma. Trevor Belle è spirato lo scorso 18 aprile, pochi giorni dopo aver compiuto 61 anni. Prima di dare il proprio consenso al coma farmacologico, l'uomo aveva invitato i sanitari a servirsi del suo sangue per studiare la patologia e trovare così una cura per i futuri pazienti.

Padre di tre figli, l'uomo ha lasciato un vuoto incolmabile nella sua famiglia. In seguito all'accaduto, la moglie Kelly ha scritto al primo ministro Boris Johnson per denunciare la vicenda. "Non so neppure se l'ha ricevuta, ma gli ho scritto un'email per spiegargli cosa è successo a Trevor", ha raccontato la donna.

Prima del funerale, la compagna di Belle ha acconsentito che i medici prelevassero dei campioni di sangue dall'uomo per impiegarli nelle ricerche in laboratorio. Da successivi esami, è poi emerso che Trevor soffriva di diabete di Tipo2, uno stato di salute che può aver "aperto la strada" al coronavirus. Le sue esequie si sono svolte alla presenza di sole 20 persone, ed è stata successivamente avviata una raccolta fondi su GoFundMe per coprire i costi delle spese per la celebrazione.

Damian Briggs, un amico di Trevor, ha ricordato l'uomo come una persona gioviale: "Per quanto la vita fosse dura, trovava sempre il modo di farti sorridere, così da distogliere la tua mente dal problema".

Forte la condanna delle associazioni sindacali, che hanno definito l'episodio come"disgustoso e spaventoso".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Malacappa

Sab, 23/05/2020 - 13:04

Gli ha sputato in bocca?????e dai basta con ste bufale

Jon

Sab, 23/05/2020 - 14:16

MA NESSUNA DENUNCIA PER QUESTE FAKE??!!

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Sab, 23/05/2020 - 14:26

Ma come, non ci volevano due settimane perchè si manifestassero i sintomi? Se è morto per il coronavirus è decisamente più probabile che lo abbia contratto circa due settimane prima. E poi anche trovassero la persona, come si potrà mai dimostrare che è stato proprio lui a contagiarlo?

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Sab, 23/05/2020 - 15:41

Mamma mia però quante fesserie si leggono. E poi censurano montanari in italia nei suoi video..... la commissione governativa per le fake che fa in questo caso? Puente? Ma fateci il piacere

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Sab, 23/05/2020 - 15:43

Però, pure voi del giornale, finitela con sti titoli ridicoli su sto virus, dai. Il direttore Sallusti è persona seria, per favore aggiustate il tiro su sto virus, non vi appiattite sul discorso a senso unico, ci sono tante novità recenti, si è ridimensionato tutto a un nulla di fatto in pratica, siate più trasparenti, dai. Ancora ad alimentare terrore (per chi crede a sti titoli, ovvio)

HARIES

Sab, 23/05/2020 - 16:22

In questo articolo però non si dice nulla su che fine ha fatto quello che ha sputato. Insomma: ci sono state indagini? è stato identificato? etc. etc.

Raoul Pontalti

Sab, 23/05/2020 - 17:14

I debunker di Padania hanno scoperto la bufala! E i virologi salviniani hanno dimostrato l'impossibilità epidemiologica e clinica del contagio del povero Trevor Belle da parte del giovinastro. I castroni della tastiera farebbero bene a verificare la notizia sulle testate britanniche (tra cui la BBC, unanimemente considerata seria e affidabile) dove non solo la si rinviene ma anche confrontata con altri casi analoghi e consimili in cui la persona oggetto di sputi e stata contagiata e poi è morta. Agli epidemiologi salviniani: se bastano le goccie di saliva emesse parlando per contagiare a maggior ragione la massa salivare dello sputo è contagiosa . Ai clinici padani inesperti di infettivologia: i 14 gg sono della quarantena, ritenendosi nel 95% dei casi almeno che i sintomi si manifestino entro quel lasso di tempo dal contagio, mentre il periodo minimo di incubazione è di 2 gg.

Pigi

Dom, 24/05/2020 - 10:48

Lo sputo trasmette enormi quantità di virus, quindi la storia è verosimile. Piuttosto non si dice la reazione del tipo allo sputo. Se chi viene sputato va subito in un bagno e se lo lava con acqua corrente, difficile che venga infettato. Se invece tocca la saliva per togliersela - la reazione istintiva - e non si lava le mani subito, avviene il contagio.

pilandi

Dom, 24/05/2020 - 11:01

Legaioli! Non é che se una notizia non vi piace diventa automaticamente una fake new, questa é vera eccome!

Ritratto di risorgimento2015

risorgimento2015

Dom, 24/05/2020 - 11:35

E` che erano proiettili invece di liquido! ..lettore R.Pontaldi fai ridere dicendo la BBC seria.....forse alludi a quella pre` era BLAIR !? ....E` terzo (cosa che dovete in Italia ricordare) Gli ettinici sono un peso per ogni sanita europea....guardare quello che succede in USA- UNITED KINDOM .

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 24/05/2020 - 11:58

Ogni tanto, Sotuttomidatrento si fa vivo!