"Mi drogavo e bevevo...". La confessione choc del principe Harry

Il principe Harry torna a gettare imbarazzo sulla royal family, rivelando a Oprah Winfrey il suo passato buio, tra alcol e droga

"Mi drogavo e bevevo...". La confessione choc del principe Harry

Nuovo capitolo dell'infinita saga dei duchi di Sussex. Nella docuserie in onda da oggi 21 maggio su Apple Tv, “The Me You Can't See", il principe Harry ha raccontato a Oprah Winfrey del periodo buio che è seguito alla prematura scomparsa della madre Diana e del suo abuso di alcol e droga.

Il duca, che nei mesi scorsi ha lanciato pesanti accuse alla royal family proprio alla Winfrey, è tornato a parlare dei suoi problemi mentali e di come la moglie Meghan lo abbia spinto ad andare in terapia. “Quando Meghan mi disse devi vedere qualcuno”, ha raccontato il principe, “ fu dopo una discussione che avemmo. Quello mi fece tornare indietro all’Harry dodicenne”, ovvero al tempo della tragica morte della madre nel tunnel de l'Alma nel 1997. Il duca ha rivelato di essere stato segnato dalla morte di Diana, dal fatto che “non c’è stata affatto giustizia” e di come la madre fosse stata “inseguita fino alla morte”.

Come riporta Usa Today, il grave lutto portò il duca a sperimentare attacchi di panico e ansia e a rifugiarsi nelle droghe e nell’alcol per non pensare. "Provavo il desiderio di bere, di drogarmi e di provare di tutto pur di non sentire niente”, ha raccontato Harry, mettendo a nudo le proprie fragilità e lanciando frecciate nei confronti della famiglia, che non gli permise di farsi aiutare quando ne aveva bisogno. Ma le insinuazioni sulla mancanza di empatia della royal family non finiscono qui: il duca ha rivelato davanti alle telecamere come l’aiuto che lui chiese da bambino fu negato anche a Meghan, nel periodo in cui aveva tendenze suicide.

Ero dispiaciuto per Meghan e arrabbiato con me stesso”, prosegue il principe, il quale ha confessato che per quattro anni lui e la moglie hanno cercato di ricoprire al meglio il loro ruolo, continuando a vivere sotto i riflettori, nel più “totale abbandono” da parte del resto della famiglia. “Il suo stato mi ricordava quello di mia madre negli ultimi giorni della sua vita. La storia si stava ripetendo”. È un Harry inarrestabile nel suo drammatico racconto, che getta ombre sempre più nere sulla famiglia reale britannica. “Ero infuriato per essere intrappolato in quella situazione”, va avanti il principe.“Mi vergognavo di andare dalla mia famiglia, perché sapevo che non mi avrebbero aiutato”.

Fu in quel momento che Harry e Meghan decisero che era arrivato il momento di uscire di scena, e di vivere la propria vita con il piccolo Archie, lontano da Londra. "Questa fu la ragione che mi spinse ad andarmene”, ha rivelato il duca, “sentendomi intrappolato e braccato dai media e dalla mia famiglia, che non mi incoraggiò mai a confrontarmi con il mio trauma”. Harry conclude l’intervista lapidario, utilizzando parole molto dure nei confronti dei Windsor: “Ma certamente d’ora in avanti non sarò più intimorito a restare in silenzio”.

Commenti