"Un tumore al sangue". L'oligarca russo svela le condizioni di Putin

In una registrazione audio segreta, un oligarca russo dall'identità protetta si è lasciato sfuggire rivelazioni sulla salute di Putin. "Il problema è con la testa. Può capovolgere il mondo"

"Un tumore al sangue". L'oligarca russo svela le condizioni di Putin

"Putin è molto malato, ha un tumore al sangue". La voce catturata da una registrazione sarebbe quella di un uomo che conosce bene lo Zar. Uno che lo ha incontrato più volte e che in passato ha avuto accesso alle stanze di potere del Cremlino. Ora, quella stessa fonte si è lasciata sfuggire parole che confermerebbero i dubbi sulle condizioni di salute del presidente russo. A parlare nel documento audio in questione, ottenuto dal magazine New Lines, sarebbe nello specifico un oligarca del quale la testata assicura di aver autenticato l'identità.

In una conversazione con un uomo d'affari occidentale risalente a metà marzo, l'uomo manifesta il proprio disgusto per la guerra in Ucraina e per le sue disastrose conseguenze finanziarie. E il giudizio più duro è proprio quello su Putin. "Ha assolutamente rovinato l'economia russa, ucraina e molte altre economie. Le ha rovinate", sostiene l'oligarca russo, secondo quanto riportato. Poi l'ex fedelissimo del Cremlino - che nel 2021 era annoverato da Forbes tra i 200 business man più ricchi di Russia - ha aggiunto considerazioni sulla salute dello Zar. "Il problema è con la testa... Un pazzo come lui può capovolgere il mondo", ha commentato.

Secondo le rivelazioni dell'oligarca misterioso, i sintomi di malattia attribuiti a Putin e i sospetti emersi dopo le sue ultime apparizioni pubbliche avrebbero un effettivo riscontro. Il presidente russo sarebbe affetto da un tumore al sangue, diagnosi che l'uomo d'affari di Mosca ha fatto trapelare negli 11 minuti di registrazione nei quali rifletteva sulle conseguenze dell'attuale crisi ucraina. In particolare, l'individuo ha manifestato preoccupazione per le conseguenze delle sanzioni statunitensi ed europee applicate anche ai suoi patrimoni. A ciò, ha aggiunto l'accusa per la carneficina compiuta da Putin. "Ha ucciso più di 15.000 soldati russi e 4.000 o 5.000 civili in Ucraina", afferma nel documento ottenuto da New Lines.

Nelle ultime settimane altre fonti avevano fatto trapelare indiscrezioni sulle condizioni di salute del presidente russo. Voci interne al Cremlino interpellate dal quotidiano britannico Daily Mail avevano addirittura ipotizzato che Putin dopo il 9 maggio, data delle celebrazioni per il Giorno della vittoria, sarebbe stato costretto a sottoporsi a un intervento a causa di un cancro. Più indizi - si dice solitamente - fanno una prova, ma nella guerra dell'informazione anche le certezze vengono meno.

Commenti