Rimossa a Budapest la statua di Imre Nagy, l'eroe anti-sovietico

All'alba è sparita dalla piazza del Parlamento la statua di Nagy, considerato dal governo Orban "un comunista dei peggiori"

Questa mattina, all'alba, la statua di Imre Nagy è stata rimossa dalla piazza del Parlamento di Budapest. Quasi in segreto, gli esponenti del governo hanno provveduto a far rimuovere la statua che rappresenta il capo della rivolta ungheresa contro l'Unione sovietica, messa in atto nel 1956.

I membri del governo di Viktor Orban aveva già bollato Nagy come"un comunista dei peggiori", accusandolo di essere stato, durante lo stalinismo, un collaboratore del Kgb, come riportato dal Corriere della Sera. Gli ungheresi, invece, considerano Nagy un matire della rivolta contro l'Urss dato che, dopo il fallimento della ribellione del 1956, dovuto all'intervento delle forze armate sovietiche, venne imprigionato e poi giustiziato. Nel 1958 fu impiccato.

Le autorità ipotizzano il trasferimento della statua in un altro luogo di Budapest mentre, al posto della scultura di Nagy verrà ricostruito un monumento dell'epoca precedente la Seconda guerra mondiale. La famiglia del rivoluzionario ungherese si è dimostrata contraria alla decisione e la nipote di Nagy ha scritto sui social network di non poter parlare per il momento.

La rimozione della statua sarebbe parte della lotta culturale che il governo Orban sta conducendo contro i valori del liberismo: "Orban ha allontanato la Central european university, i tribunali imparziali, oggi il monumento di Imre Nagy e quando sarai tu il prossimo?", chiede il partito di opposizione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Algenor

Sab, 29/12/2018 - 06:27

I tribunali imparziali? Ah ah ah ah ah ah ah ah! E da quando i tribunali sono diventati imparziali?

michele lascaro

Sab, 29/12/2018 - 09:23

È vero che Nagy era stato un fedele esecutore del Cremlino, ma la sua azione finale, intesa verso un rispetto assoluto dell'Umo, condizione ignorata e combattuta dai sovietici, lo aveva riscattato agli occhi della gente comune. La rimozione della sua statua non rispecchia la sua vita ultima.