Mondo

Si schianta con la sua auto e poi si uccide: ancora paura a Capitol Hil

Ancora Capitol Hill al centro delle cronache: un uomo si è schiantato contro i cancelli del Congresso con la sua auto, poi si è sparato

Si schianta con la sua auto e poi si uccide: ancora paura a Capitol Hil

Momenti di paura a Washington, dove una vettura si è schiantata contro il cancello d'ingresso di Capitol Hill. Sceso dall'auto, l'uomo ha aperto il fuoco in aria, senza un preciso obiettivo, per poi suicidarsi con questa stessa arma. A riferire per prima la notizia è stata l'emittente Fox News, che sottolinea l'assenza di feriti. La polizia ha successivamente confermato i fatti, spiegando che l'atto si è compiuto alle 4 del mattino ora locale, ossia le 10 in Italia.

"L'auto ha preso fuoco dopo lo schianto, mentre l'uomo stava scendendo", ha spiegato la polizia. Dalle informazioni note finora, non sembra che si sia stato uno scambio a fuoco con gli agenti intervenuti sul posto dopo aver sentito il rumore degli spari. La polizia sta effettuando le indagini sull'uomo, del quale ancora non è stata resa nota l'identità, ma pare che non avesse intenzione di attaccare in particolare un membro del Congresso, che per altro in questi giorni è chiuso per la pausa estiva.

Un episodio simile si è verificato ad aprile dello scorso anno, quando un'altra auto è andata a schiantarsi contro la cancellata di Capitol Hill. In quell'occasione, però, l'epilogo fu molto diverso. L'uomo alla guida dell'auto, il 25enne dell'Indiana Noah Green, scese dal veicolo armato di coltello e con quello colpì due poliziotti allertati dal rumore, uccidendone uno. Pochi minuti dopo venne a sua volta ucciso dalla polizia. Impossibile al momento determinare i motivi del folle gesto, ma è probabile che l'uomo non volesse attentare a nessun altro se non alla propria vita, come dimostra il suicidio successivo alla schianto. Proseguono, comunque, le indagini per risalire a eventuali trascorsi dell'uomo e a possibili pregressi o collegamenti con ambienti di un certo tipo.

Commenti