Paura durante il Moechella a Washington: spari al festival, morti due giovani

Due sparatorie hanno insanguinato le strade di Washington a poco tempo di distanza l'una dall'altra. Gli agenti stanno lavorando per capire se le due tragedie sono collegate tra loro

Paura durante il Moechella a Washington: spari al festival, morti due giovani

Musica e divertimento. Questi gli elementi base del Moechella, l'evento annuale che comprende diversi concerti in favore della "Black Culture". Invece domenica scorsa si sono sentiti solo il rumore degli spari e le urla disperate. Nella U Street di Washington Dc, zona considerata cuore afroamericano della città, una persona, non ancora identificata, ha sparato contro la folla. A perdere la vita è stato un 15enne e tre persone, incluso un agente, sono state ferite.

Il festival musicale era stato indetto a sostegno di una maggiore giustizia sociale e comprendeva anche una manifestazione in onore del Juneteenth, la nuova festività nazionale che ricorda la fine della schiavitù in Usa. Tutto ciò, però, non era stato autorizzato e, mentre la polizia metteva fine alla musica, la gente si sparpagliava. Le autorità, infatti, stavano mettendo in sicurezza l'intera area a causa di alcune liti durante l'evento, perquisendo anche diverse armi. A un tratto un rumore assordante, il silenzio, le grida, panico e il fuggi fuggi generale, come documentano le immagini postate sui social dai presenti.

Non appena arrivati sul posto i sanitari hanno constatato la morte di un 15enne e hanno portato d'urgenza in ospedale altre tre persone, tra cui un agente di polizia, ricoverato in condizioni stabili. Attualmente sono ancora in corso le ricerche per individuare l'aggressore, ammesso che sia solo uno. Nella zona sudorientale, infatti, un'altra tragedia ha visto vittima, sempre di una sparatoria, una 16enne.

La tragedia è solo l'ultima di una serie di omicidi nelle strade pubbliche degli Usa. Nello scorso mese si è assistito alla strage di Buffalo e quella nella scuola elementare in Texas.

Già da tempo la politica americana ha ricominciato a parlare della possibilità di introdurre una legislazione più severa sulla vendita e il possesso di armi. Argomento che ha sempre diviso Repubblicani e Democratici. Nonostante appare un problema preoccupante, però, non sono stati ancora ottenuti risultati concreti.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica