La Tavoletta e la tartaruga di giada di Lingjiatan e il loro enigma

Nel poco noto sito storico di Lingjiatan, nella provincia dell’Anhui, si celano oggetti meravigliosi, tutti da scoprire

Secondo alcuni queste iscrizioni parlano di astrologia, altri sono dell’opinione che si tratti di trigrammi numerici, altri ancora ritengono che abbiano a che fare con un calendario e non mancano quelli che credono si tratti delle leggendarie “iscrizioni del Fiume Luo” (Luoshu). Ognuna di queste congetture riguardano la scienza, la tecnologia e la cultura più avanzate tra le civiltà preistoriche. Nel poco noto sito storico di Lingjiatan, nella provincia dell’Anhui, si celano oggetti meravigliosi, tutti da scoprire.

Quando questa raffinata tavoletta di giada è stata ritrovata, era inserita tra i gusci di tartaruga, a creare una combinazione integrata. Apparentemente sia la tartaruga che la tavoletta di giada indicano numeri e semplici direzioni ma una analisi più approfonditata ci aiuta a capire che si tratta di un enigma complesso, che riguarda il rapporto tra i numeri e l’universo. Entrambi i gusci di tartaruga contengono fori, 8 sullo schienale e 5 sull’addome. Sovvraponendo i due gusci si può notare che i fori nel mezzo sono 5 con 4 altri fori su ogni lato, numeri equivalenti alla quantità dei pezzi di un guscio dorsale di una tartaruga.

Sulla tavoletta le 8 frecce rappresentano 8 direzioni e i bordi hanno 5 buchi su ogni lato. In due diverse tombe all’interno del sito sono state rinvenute anche 6 statuette di giada in forma umana, 3 delle quali in ginocchio e altre 3 in piedi. Tutte le statuette portano sul petto le due mani con le dita estese, in una posizione che potrebbe rappresentare qualcosa. Gli esseri umani hanno due mani, ognuna delle quali ha 5 dita. In diversi aspetti della cultura cinese, inclusa la teoria dei 5 elementi, si applica il sistema quinario. Le diverse permutazioni e combinazioni dei numeri inferiori a 10 possono dare vita ad interessanti fenomeni numerici.

La modalità del mutamento è mettere 1, 2, 3, 4 e 5 in alto a sinistra e 6,7,8,9,10 in basso a destra e questo corrisponde al Luoshu. Luo rappresenta la legge del movimento regolare del mondo, descrive una situazione di estremo equilibrio nel quale le somme di tutti i numeri lungo le linee diritte e inclinate sono uguali. Anche il simbolo dell’ottangono situato nel centro della tavoletta di giada costituisce un antico ed interessante enigma, molte etnie della Cina usano ancora questo simbolo, presente anche in diverse culture del mondo.

Il simbolo dell’ottangono compare anche nel falco di giada rinvenuto nel sito di Lingjiatan che ha aperto il nostro sguardo su tutto un mondo di giada (Bi, Huang, Yue, Ben, Huan, Zhuo, Jue, Guanzhu ed altro ancora), che ha l’aspetto di una serie di oggetti rituali in giada. La superficie rilevata del sito storico di Lingjiatan è di circa 1.6 chilometri quadrati. Dopo 5 scavi le aree già aperte sono solo 1/800 della superfice totale. È allora assai probabile che nel prossimo futuro saremo sorpresi da molte nuove scoperte.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.