Terrorismo, la Tour Eiffel sarà circondata da un muro antiproiettile

La società che gestisce il monumento annuncia la costruzione di una barriera antiterrorismo per proteggere la torre da eventuali attacchi suicidi

Terrorismo, la Tour Eiffel sarà circondata da un muro antiproiettile

La Tour Eiffel "bunkerizzata". Così il quotidiano francese Le Parisien annuncia la decisione di cintare la torre simbolo della Francia con una barriera antiproiettile di vetro e acciaio.

La società che gestisce il popolarissimo sito turistico ha già fatto la proposta al consiglio comunale di Parigi, illustrando il progetto di un "recinto antiproiettile che ingloberà gran parte dei giardini sottostanti". La barriera, alta due metri e mezzo, dovrebbe costare ben venti milioni di euro.

Ma il nuovo muro, che andrà dal Museo del Quai Branly fino all'avenue Gustave Eiffel, costituirà solo una parte del nuovo piano di sicurezza ideato per proteggere il monumento simbolo di Parigi. I turisti e il pubblico in genere potrà accedere così solo dal lato dei giardini e non più dal Lungosenna. Anche il traffico sarà rivoluzionato, per evitare attacchi suicidi con macchine o camion sul modello di quelli tristemente noti per gli attentati di Nizza e Berlino.

Ma la nuova proposta non raccoglie il favore unanime dei parigini. Pascal Julien (Europe Ecologie) e Yves Pozzo di Borgo (centristi UDI) protestano affermando che il monumento si trasformerebbe in una "fortezza", mentre Catherine Dumas dei Républicains ricorda che "queste misure non devono snaturare gli aspetti architettonici nei dintorni".

Commenti