"Lo ha cotto in padella con l'olio". Il gesto choc dopo l'evirazione

La vittima evirata e l'assassina erano stati sposati per 10 anni, ma si stavano separando da due, tra frequenti e feroci litigate

"Lo ha cotto in padella con l'olio". Il gesto choc dopo l'evirazione

In Brasile, un uomo è stato ultimamente ucciso ed "evirato" dalla moglie, che ha poi provveduto a "cucinare" il membro del malcapitato. La responsabile dell'assassinio e della mutilazione, ossia la 33enne Dayane Cristina Rodrigues Machado, è stata infatti arrestata lunedì per tale reato, scrive il Daily Mail, presso la città di Sao Goncalo, nell'est del Paese; della vittima, invece, si conosce soltanto il nome: Andre. Secondo le prime ricostruzioni della vicenda, la coppia stava insieme da 10 anni, ma da due anni avevano avviato l'iter per la loro separazione, anche se i due continuavano comunque a vedersi, a intermittenza, e a gestire insieme una pizzeria. Dal loro matrimonio erano nati un bambino, che adesso ha otto anni, e una figlia, di cinque anni di età; non è chiaro se tali minori abbiano o meno assistito all'assassinio del padre.

In base alle testimonianze raccolte dagli inquirenti, la coppia era andata, la sera del crimine, in uno snack bar e, successivamente, i due avevano iniziato a litigare su questioni relative alle loro pratiche di separazione. Il diverbio sarebbe durato per tutto il tragitto fino alla casa della coppia, ubicata nel quartiere Santa Catarina di Sao Goncalo. Lì, intorno alle 4 del mattino, Dayane avrebbe afferrato un coltello da cucina e pugnalato a morte Andre. Alla fine, con la stessa arma, la donna avrebbe "tagliato il pene" del malcapitato per poi "cuocerlo in padella con olio di semi di soia". La polizia, una volta fatta irruzione sulla scena del crimine, si è infatti trovata davanti il corpo nudo, senza vita ed evirato dell'uomo, arrestando di conseguenza la 33enne e sequestrandole il coltello da cucina citato.

La donna è stata subito incriminata per omicidio e profanazione di cadavere, ma il suo avvocato, Carla Policarpo, sostiene che Andre l'avrebbe minacciata e che lei lo avrebbe ucciso per "legittima difesa". I parenti della vittima, al contrario, sostengono che l'indagata avrebbe ucciso l'ex marito per vendicarsi dei "tradimenti" perpetrati da lui. I familiari della donna hanno infine rivelato che la coppia litigava costantemente e che la Machado aveva persino denunciato il marito alla polizia in un'occasione.

Commenti

Grazie per il tuo commento