Regno Unito, introdotto nelle scuole materne insegnamento su transessualità

Contro l’istituzione dei corsi attinenti al tema della “transessualità” si sono subito schierati i parlamentari conservatori

Nel Regno Unito si è in questi giorni innescata una forte polemica a causa dell’introduzione negli istituti per l’infanzia di insegnamenti attinenti alla “transessualità”.

Numerose scuole materne e primarie del Paese hanno infatti cominciato a varare corsi di studio miranti a rendere i bambini “più inclini ad accettare le diversità”. Secondo i media britannici, nel quadro del nuovo programma educativo i docenti descriverebbero ai minori la natura discriminatoria dei pronomi “lui” e “lei” e spiegherebbero loro che la sessualità di ciascuno non sarebbe affatto una caratteristica naturale, bensì una “decisione personale”. Di conseguenza, i trans verrebbero presentati agli alunni come individui che hanno semplicemente “cambiato opinione” circa la rispettiva identità di genere. Gli insegnanti dovrebbero quindi convincere i bambini circa il fatto che passare da un sesso a un altro sarebbe una "libera scelta", equivalente a quella di "cambiare un vestito"

I media del Regno Unito sostengono che le strutture scolastiche avrebbero istituito i nuovi programmi educativi in applicazione delle “linee-guida” varate di recente dall’Ordine nazionale dei pediatri. Il Royal College of Paediatricians and Child Health avrebbe infatti approvato un memorandum inteso a incoraggiare i presidi del Paese a educare i minori al “rispetto delle persone appartenenti a gruppi minoritari”. Secondo la riforma dei piani didattici auspicata da tale organismo, le scuole per l’infanzia dovrebbero “al più presto” introdurre insegnamenti adatti a “prevenire” nei bambini l’insorgere di “sentimenti discriminatori o omofobi”.

Contro l’istituzione dei corsi attinenti al tema della “transessualità” si sono subito schierati i parlamentari conservatori. Ad esempio, il deputato tory David Davies ha bollato come “folle” e “malsano” il nuovo insegnamento, in quanto, a suo avviso, suscettibile di “corrompere l’animo dei più piccoli”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Lun, 17/12/2018 - 12:39

La pubblicità è l'anima del commercio!

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 17/12/2018 - 12:53

... con la famiglia reale depravata che hanno, non c'è certo da meravigliarsi

Mauritzss

Lun, 17/12/2018 - 13:43

Attenzione !!. . . . Tutto quello che sta avvenendo in Gran Bretagna, educazione trans, gang islamiche dedite allo stupro con polizia compiacente, etc. sta arrivando anche in Italia. C'è un piano mondiale di devastazione della nostra civiltà. Dobbiamo attivare subito un fronte ampio e deciso contro questa follia . . . .

dagoleo

Lun, 17/12/2018 - 13:54

I gay in GB sono sempre stati moltissimi, molti più che negli altri paesi. Quindi non c'è da meravigliarsi che apprezzino questa follia.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 17/12/2018 - 14:18

i futuri dhimmi dddi englandistan!!

dot-benito

Lun, 17/12/2018 - 17:35

L'IDIOZIA NON HA LIMITI

Ritratto di giordano

giordano

Lun, 17/12/2018 - 17:42

Non bastavano i compiti, ora devi bruciare un tot di neuroni anche per capire se sei maschio o femmina.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 17/12/2018 - 19:04

Lasciate stare i bambini. A loro non interessano le vostre perversioni.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 17/12/2018 - 19:07

NON HANNO PROPRIO UN CAXXO DA FARE ... TEMPO PERSO PER STUDIARE LA REALTÀ DEL MONDO SEMPRE PIÙ ALLO SFASCIO.

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 17/12/2018 - 21:40

Arrestateli tutti, oppure rinchiudeteli in manicomio.