Usa, maxi operazione di polizia: ritrovati 150 bambini scomparsi

Su 240 bambini scomparsi in totale, ne restano da rintracciare 90, con le autorità che hanno assicurato il loro massimo impegno nelle ricerche

Usa, maxi operazione di polizia: ritrovati 150 bambini scomparsi

Negli Usa, nello Stato del Tennessee, è stata di recente compiuta una maxi-operazione di polizia, denominata “Volunteer Strong”, che ha portato al ritrovamento di centinaia di bambini di cui si erano perse le tracce. Le indagini sono state svolte sia da autorità locali, Tennessee Bureau of Investigation e Tennessee Department of Children's Services, sia dall’agenzia federale di pubblica sicurezza Us Marshals Services. Analoghe operazioni di ricerca di bambini scomparsi sono state lanciate di recente da altre entità federate, tra cui Ohio, Virginia, Indiana e Georgia.

Le ricerche degli investigatori del Tennessee sono partite lo scorso autunno, sulle tracce di 240 bambini misteriosamente scomparsi sul territorio statale. Il lungo lavoro degli inquirenti ha portato al recente ritrovamento, dopo blitz condotti a gennaio e a febbraio, di 150 bambini e ragazzi, di età comprese tra i 3 e i 17 anni. I minorenni in questione sarebbero scomparsi in questi mesi, hanno affermato le autorità investigative, per le più svariate ragioni, con casi di bambini che si sono allontanati volontariamente da casa, minori che sono andati a vivere con altri membri della famiglia non censiti e altri ancora che hanno subito abusi o sfruttamento. In particolare, cinque dei 150 bimbi da poco rintracciati sarebbero finiti nella rete dei trafficanti di esseri umani, mentre uno sarebbe stato vittima di un rapimento. “Spero che questa operazione", ha affermato Tyreece Miller, Us Marshal per il distretto occidentale del Tennessee, "cambi il destino di 150 giovani vite e le conduca al percorso delle opportunità che ogni bambino merita”. Dopo tale maxi-operazione, gli investigatori statali e federali sono attualmente sulle tracce dei restanti 90 bambini ancora scomparsi.

Contemporaneamente al ritrovamento di quei minori sono scattati anche arresti e incriminazioni, con una persona già finita in manette e con due mandati di cattura per rapimento emessi a carico di altrettanti sospettati. “I nostri sforzi”, ha rimarcato sempre Miller, “dovranno inoltre servire ad avvertire coloro che minacciano i soggetti più vulnerabili della società del fatto che questi ultimi non sono dimenticati. Le indagini andranno avanti e quelle persone malvagie subiranno un altro duro colpo”.

Commenti