Da Varsavia un'offesa a Giuseppe Garibaldi: "Fu un antisemita"

La direttrice di una scuola elementare di Varsavia intitolata all'eroe vuole cambiare il nome dell'istituto: "Garibaldi fu antisemita"

Da Varsavia un'offesa a Giuseppe Garibaldi: "Fu un antisemita"

Giuseppe Garibaldi antisemita? L'accusa è singolare, così come è inaspettato il luogo da cui proviene: la Polonia. Già, perché la direttrice di una scuola elementare di Varsavia, intitolata proprio all'eroe dei due mondi, ha annunciato che l'istituto perderà presto il nome del Nizzardo, definito "avventuriero non estraneo alla pirateria e all'antisemitismo".

Una tesi strampalata e inaccettabile, che ha provocato addirittura l'intervento del nostro ambasciatore in Polonia, Alessandro De Pedys. Il quotidiano polacco Gazeta Wyborcza ha riportato infatti di una lettera del diplomatico italiano in cui la decisione della dirigente scolastica è definita "inutilmente offensiva per tutti i connazionali".

Il rapporto fra la Polonia e Giuseppe Garibaldi fu intenso ed antico: nel 1863, due anni dopo l'unità d'Italia, l'eroe dei due mondi inviò un corpo di volontari al comando del suo generale Francesco Nullo per sostenere la rivolta dei polacchi contro l'oppressione zarista. Nel 1939 vicino alla sede del parlamento di Varsavia fu scoperto un busto dell'eroe nazionale italiano, dono del Comune di Bergamo, famosa per essere la città italiana da cui affluirono la maggior parte dei partecipanti alla spedizione dei Mille nel 1860 per liberare il Meridione dal dominio borbonico.

Ora però la scuola elementare a lui dedicata nel cuore della capitale polacca potrebbe essere re-intitolata all'eroe della resistenza antinazista Jan Bytnar: una figura sicuramente illustre ma altrettanto sicuramente non incompatibile con quella del Nizzardo.

Commenti