Con la vittoria finale a Sirte cade la roccaforte dell'Isis in Libia

Liberati gli ultimi edifici in cui erano arroccati i jihadisti dello Stato islamico

Con la vittoria finale a Sirte cade la roccaforte dell'Isis in Libia

Era nel quartiere di Ghiza Bahriya che si concentrava l'ultima resistenza dello Stato islamico, determinato a non mollare gli ultimi edifici di Sirte di cui poteva dire di essere ancora in controllo.

Uno sparuto gruppo di palazzi su cui hanno mosso le forze governative, che dopo combattimenti lunghi mesi hanno annunciato oggi di avere ripreso il controllo dell'ultima area della città libica dove ancora le bandiere nere si scontravano con il tricolore libico.

È il portavoce Rida Issa a confermare alla Reuters la fine della battaglia, dopo che decine di combattenti si sono consegnati alle forze che combattevano i jihadisti.

"Circa 100 donne e bambini", dice l'emittente Libya Channel, sono stati liberati nelle ultime 72 ore, mentre le forze guidate dalle milizie di Misrata, sostenute dall'aviazione americana, attaccavano l'ultima roccaforte jihadista.

La città di Sirte era caduta nelle mani dell'Isis nel 2015, quando il gruppo radicale aveva preso il controllo di una zona costiera scarsamente popolata lunga circa 250 km.

Commenti