Wikileaks pubblica mail ​del partito di Erdogan

WikiLeaks ha pubblicato 294.548 mail inviate e ricevute da 762 indirizzi mail dei vertici dell'Akp, il partito di Erdogan

WikiLeaks ha pubblicato 294.548 mail inviate e ricevute da 762 indirizzi mail dei vertici dell'Akp, il partito che il presidente Recep Tayyip Erdogan fondò nel 2002 e di cui è sempre stato indiscusso leader. Le mail (clicca qui per leggere tutte le mail) partono dal 2010 e arrivano fino al 6 luglio, 9 giorni prima del golpe fallito di venerdì scorso. Wikileaks sostiene di aver ottenuto il materiale una settimana prima del fallito colpo di stato. Tutte le mail hanno come indirizzo quello del partito "akparti.org.tr". In una nota Wikileaks fa sapere che il messaggio "più recente è stato inviato il 6 luglio 2016. Il primo messaggio risale al 2010. Si segnala che le email associate al dominio vengono per lo più utilizzate per trattare con il mondo e non per le questioni interne più sensibili. Il materiale - spiega Wikileaks - è stato ottenuto una settimana prima del tentato colpo di stato. Tuttavia, Wikileaks ha pubblicato le mail in risposta alle epurazioni post-colpo di stato del governo. Abbiamo verificato il materiale e la fonte non è collegata, in alcun modo, agli elementi dietro il tentativo di colpo, o ad un partito rivale o allo Stato". Intanto le autorità turche hanno bloccato l'accesso a Wikileaks in Turchia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

m.nanni

Mer, 20/07/2016 - 07:25

che si aspetta infliggere sanzioni alla Turchia di Erdogan e rimuovere subito quelle criminale imposte alla Russia? che aspettano gli americani rimpossessarsi delle 50 atomiche ora custodite da Erdogan?

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 20/07/2016 - 11:44

Naturalmente tutto in nome della trasparenza e della democtrazia.