La Moratti: "Non carichiamo il voto con una valenza milanese"

Il sindaco voto nel seggio di via Spiga. "Questo è un voto regionale ed è molto importante perché le Regioni hanno competenze rilevanti per la vita dei cittadini". E sulle polemiche sollevate dalla Lega e da qualche esponente del centrodestra: "Berlusconi capace di sintesi con gli alleati. Guardo al sosegno del partito. Milano è una città esigente"

"Non carichiamo questo voto con una valenza milanese: questo è un voto regionale ed è molto importante perché le Regioni hanno competenze rilevanti per la vita dei cittadini". Lo ha detto il sindaco di Milano Letizia Moratti subito dopo aver votato nel seggio allestito nella centralissima scuola elementare di via della Spiga a Milano.

Il primo cittadino di Milano ha dunque voluto stemperare le polemiche che agitano Pdl e Lega, dopo che il Carroccio ha messo in discussione la ricandidatura a sindaco di Letizia Moratti, rivendicando un proprio esponete per palazzo Marino. "Non vivo assolutamente questa giornata - ha detto il sindaco - con apprensione: ogni giorno per me è un giorno di lavoro, impegnativo, con tanti problemi e criticità ma anche tante cose belle da presentare ai cittadini. Milano è una città impegnativa ed esigente, ma questo anche perchè i milanesi amano Milano".

Il primo cittadino, arrivata al seggio assieme al marito Gianmario dopo una breve passeggiata lungo via Borgospesso, ha rivelato ai cronisti che domani sarà a pranzo nella residenza milanese del ministro della Difesa Ignazio La Russa, assieme allo stato maggiore del Pdl lombardo, Guido Podestà, Luigi Casero, Maurizio Lupi, che in questi giorni più si sono spesi per sostenere e difendere Letizia Moratti dagli attacchi del Carroccio.

"Ho visto il sostegno di Casero, di Podestà, di La Russa, di tutti quelli che hanno una responsabilità nel partito, guardo a quello". Ha infatti detto dopo il voto il sindaco rispondendo ai giornalisti che le chiedevano come avesse vissuto gli attacchi degli ultimi giorni da parte della Lega e di alcuni esponenti di centrodestra. "Poi guardo al lavoro che devo fare ogni giorno - ha aggiunto - c’è tanto lavoro impegnativo da fare. Milano è una città impegnativa perchè è esigente. I milanesi amano Milano e quindi giustamente sono esigenti".

"Il presidente Berlusconi è sempre stato capace di trovare una sintesi giusta con tutti gli alleati". Così Letizia Moratti ha salutato con favore le affermazioni del presidente del consiglio Silvio Berlusconi che stamani all’uscita dei seggi ha derubricato a schermaglie pre-elettorali le pretese della Lega di candidare nel 2011 un proprio rappresentante alla guida di Milano.

Commenti