Mozart è come un amico con il Sonare Quartett

Lasciate Mozart confidarsi con voi. Vi parla nel Quartetto KV 173, aveva 17 anni; comincia malinconico, e alla fine va giù per mezzi toni in una fuga affranta e vertiginosa, che ci lascia sospesi. Impressionante. Il Sonare Quartett sono quattro persone che raccontano di lui, non quel tipo di gruppo compiaciuto che ci consegna un bel pacco di musica confezionata. Si capiscon le scelte, se ne immaginano i gesti. Gran voglia di suonare, loro, noi grande piacere di ascoltarli. Fragranza viennese, incisione che fa sentire l'arco toccar la corda, come se fossero tutti a casa vostra. Buona compagnia in auto, ma con l'obbligo morale di riascoltare poi nel silenzio. Colore filologico giusto, giusto il sapere che strumenti esatti avessero a quei tempi, e che desiderio avessero d'andare oltre. Luce. Nel cd ci sono gli altri cinque della serie «viennese», che capiamo oggi meglio d'una volta perché siamo più pronti ad accenni, allusioni, idee allo stato puro, pudori che nascondono urgenze affettive. E c'è accanto la serie completa dei quartetti di Mozart, ristampati e rimessi a nuovo da incisioni pertinenti e prestigiose. Facciamo festa al 250° compleanno di Mozart lasciando che sia lui a fare festa a noi, un po' allegramente, un po' no, come ci conoscesse a fondo.

Sonare Quartet Quartetti per archi «viennesi» kv 168-173 di Mozart - La Bottega Discantica