Coltiva marijuana in casa: 70enne finisce in manette

L'operazione dei poliziotti a Napoli. Nel giardino e sul balcone le piantine, gli agenti gli trovano anche due barattoli pieni di droga già tritata

Coltivava marijuana nel giardino di casa, finisce in manette un insospettabile 70enne a Napoli. L’operazione porta la firma degli agenti del commissariato della polizia di Stato di San Paolo, nel capoluogo campano, che nella mattinata di sabato scorso hanno scoperto le attività sospette dell’uomo e, perciò, hanno deciso di entrare in azione.

Tutto è iniziato quando i poliziotti hanno notato un’auto ferma davanti al cancello d’ingresso di una villetta. A bordo c’era una signora che ha dato segnali di nervosismo, guardando in direzione del balcone di casa. Lì c’era il marito, un 70enne napoletano, che era intento a nascondere da sguardi indiscreti una pianta.

Il quadro è apparso a dir poco dubbio agli agenti che, così, hanno voluto vederci chiaro, andando fino in fondo alla storia. I loro dubbi, però, sono apparsi subito fondati quando, entrati nel viale d’ingresso dell’abitazione della coppia, hanno notato la presenza di numerose piante di marijuana, alcune delle quali alte fino a due metri.

Ma è stato all’interno dell’appartamento in cui vive la coppia che i poliziotti hanno scoperto ben due barattoli pieni di marijuana già tagliata e tritata, oltre a un’altra pianta. Per lui sono scattate le manette: risponderà delle accuse di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.