Crollano pezzi di soffitto nella funicolare di Chiaia: i danni del maltempo

Quattro pannelli si sono staccati precipitando rovinosamente al suolo in un momento in cui non transitavano persone e per fortuna non ci sono stati feriti

Le piogge torrenziali della giornata di ieri a Napoli hanno provocato una serie di danni: allagamenti, alberi sradicati e smottamenti. Disagi si sono avuti anche per ciò che riguarda il trasporto pubblico, con il blocco della metropolitana e l’incidente all’interno della funicolare di Chiaia, nella stazione del Parco Margherita.

Solo per un caso non ci sono state conseguenze serie. Nel primo pomeriggio è caduta parte della controsoffittatura, in prossimità delle scale mobili. Quattro pannelli si sono staccati precipitando rovinosamente al suolo in un momento in cui non transitavano persone e per fortuna non ci sono stati feriti.

I tecnici della funicolare hanno deciso di transennare l’area dove si è verificato il crollo, evitando di bloccare le corse. Adesso si effettueranno i rilievi per stabilire le cause della caduta della controsoffittatura, anche se quasi sicuramente le copiose infiltrazioni di acqua piovana al di sopra della stazione hanno provocato il cedimento dell’intonaco. Una conferma è data dalle condizioni della parete che sorregge i pannelli crollati, che è umida.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 27/09/2019 - 10:03

cara redazione, "vi mettete in viaggio" per circa 800 chilometri per dirci che nella funicolare di chiaia a napoli dopo la pioggia sono caduti alcuni pezzi di soffitto? io vi do una notizia a chimetro 00: Topi a scuola, la protesta al provveditorato (ufficio scolastico regionale) „una specie di flash mob quello organizzato dalle famiglie della scuola Confalonieri di Milano, zona Isola, che per l'occasione si sono unite con quelle del plesso di Maciachini (via Crespi), a partire dalle quattro e mezza di pomeriggio di mercoledì. I gruppi di genitori hanno raggiunto piazzale Corvetto, dove ha sede l'Ufficio scolastico regionale, per chiedere un incontro urgente con il direttore. Motivo? I topi in classe e i bambini che fanno lezione in palestra senza banchi.