Istat, in un anno più di 85mila persone emigrate dalla Campania

Questo dato fa passare in secondo piano una notizia positiva: l’età media dei campani è la più giovane d’Italia

Istat, in un anno più di 85mila persone emigrate dalla Campania

La Campania è una regione dove le contraddizioni sono quotidiane e ormai non sorprendono neppure più i residenti. L’ultimo censimento effettuato dall’Istat sulla popolazione e il flusso demografico, conferma l’ennesima dicotomia: i cittadini campani in media sono i più giovani d’Italia, però in tanti emigrano verso il nord in mancanza di opportunità di lavoro e di servizi adeguati. La fotografia dell’Istituto di statistica è impietosa e arriva a poche settimane dall’altra notizia poco piacevole: un numero considerevole di laureati si sposta dal Sud, e dalla Campania in particolare, al Settentrione, dato snocciolato dalla Svimez, l’associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno.

L’età media degli abitanti campani, come riporta anche la Repubblica, è pari a 42,8 anni, mentre a livello nazionale questo dato è fissato a 45,4 anni. Numeri positivi sono emersi anche per ciò che riguarda il confronto tra il numero degli anziani (65 anni e oltre) e quello dei bambini sotto i 6 anni di età: il valore è pari a 3,8, così come l’indice di vecchiaia, tra i più positivi in Italia. Ma la regione del Sud non ha nulla da festeggiare, poiché il calo considerevole di abitanti sovrasta le precedenti buone notizie. La Campania ha perso 85.682 residenti (-1,5% rispetto allo scorso anno) ed è tra le regioni messe peggio.

Risultati ancora più negativi si sono registrati solo in Molise, con un -2,1% in meno, e in Calabria, con un -1,8%. Probabile che a contribuire alla fuga dei campani verso altre mete ci sia anche la scarsa attenzione delle istituzioni nei confronti dei cittadini. Da un’analisi commissionata dal sindaco di Napoli Gaetano Manfredi è emerso che in città si investe solo 89 euro per abitante, un dato deprimente, visto che a Milano si spende il triplo, con ben 277 euro a cittadino.

Commenti