"La maestra è proprio buona". Protesta contro i manifesti

Il vicepresidente dell’Arcigay si augura che l’impresa napoletana ritorni sui propri passi rimuovendo i manifesti

"La maestra è proprio buona". Protesta contro i manifesti

A segnalare la pubblicità sessista è stato il vicepresidente dell’Arcigay di Napoli Antonello Sannino, che sul suo profilo Facebook ha pubblicato la foto di un maxi cartellone di un’azienda che si occupa di stampa digitale e offset, raffigurante una giovane donna di spalle, in minigonna e calze con giarrettiera, davanti a una cattedra e a una lavagna.

Accanto alla ragazza con abiti succinti la scritta: “6×3=12. Bravo! Per fortuna la maestra è proprio buona”. Sannino ha condannato sui social la scelta dell’impresa con una frase breve e sibillina: “Ma è davvero così utile la solita orrenda e stravista campagna pubblicitaria sessista?”. Il vicepresidente dell’Arcigay si augura che l’azienda napoletana ritorni sui propri passi rimuovendo i manifesti.

Dopo la pubblicazione sui social dell’immagine del cartellone pubblicitario la protesta si è allargata a macchia d’olio. Diverse le persone che hanno commentato il post di Sannino, bollando la campagna marketing dell’azienda di stampa digitale come sessista e maschilista.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti