Minaccia i fratelli con il coltello, denunciata

Lite per l'eredità degenera a Pompei, in provincia di Napoli. Finisce nei guai una 46enne che ha brandito il coltello contro i congiunti

Lite per l’eredità a Pompei, minaccia i fratelli con un coltello: denunciata una 46enne. L’episodio s’è verificato nel pomeriggio di lunedì in una delle aree più popolate del centro dell’hinterland vesuviano.

Sono stati proprio i due uomini a chiedere l’intervento delle forze dell’ordine; dopo aver ricevuto la loro richiesta d'aiuto gli agenti sono entrati in casa e sono riusciti a disarmare la donna. Stando a quanto hanno ricostruito i poliziotti, la donna era furiosa per questioni familiari legate all’eredità dei genitori. Viveva nell’appartamento di famiglia insieme ai due fratelli. Il dissidio è degenerato quando la signora, 46 anni, ha brandito un grosso coltello da cucina, la cui lama è risultata essere lunga ben trenta centimetri, e ha iniziato a inveire pesantemente contro i congiunti.

Chiedeva loro di lasciare subito l’abitazione e, nel farlo, agitava l’arma minacciandoli di morte. Poi ha impugnato un altro coltello e ha reso ancora più pesanti le accuse e gli improperi mentre i due uomini erano riusciti, non senza difficoltà, a barricarsi in camera da letto. Da lì hanno chiesto aiuto alle forze dell’ordine contattando il numero d’emergenza del 113.

I poliziotti, accolta la segnalazione, sono arrivati in quell’appartamento e hanno disarmato e bloccato la donna. La signora, adesso, è stata denunciata: risponde dell’ipotesi di reato di minacce aggravate.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.