Ecco i disertori della vergogna. Falsa malattia per stare a casa

Il durissimo sfogo di Ciro Mauro, direttore delle Emergenze del Cardarelli: "Non abbiamo rancore contro questi, solo commiserazione"

Mentre l'intero personale medico e quello sanitario sono al lavoro da circa un mese per contrastare l'emergenza Coronavirus nel nostro Paese, c'è chi ha pensato di fare il furbetto mettendosi in malattia utilizzando dei certificati falsi. È successo a Napoli, precisamente all'ospedale Caldarelli: la situazione è stata denunciata in prima persona da Ciro Mauro. Il direttore del dipartimento Emergenze del più grande nosocomio partenopeo si è sfogato sui social contro il vergognoso comportamento adottato da 249 operatori sanitari: "Penso a tutti gli operatori del Cardarelli che sono al loro posto e penso anche a tutti quelli che si nascondono dietro un certificato medico fasullo lasciando i colleghi da soli a lavorare. Non abbiamo rancore contro questi, solo commiserazione. Il Cardarelli andrà lo stesso avanti conseguendo come al solito i migliori risultati della sanità campana".

A riportarlo è Il Fatto Quotidiano, che ha sottolineato un'altra realtà di fatto piuttosto allarmante: l'allontanamento degli italiani dalle cure abituali. Così come testimoniato da Rachele Valboa, otorinolaringoiatra dell'Asl di Caserta: "Oggi zero, non ho visitato nessuno. I miei pazienti sono per lo più anziani e l'invito pressante a stare in casa, giustificatissimo, viene purtroppo inteso come una condizione obbligata di rinuncia all'assistenza". Sono così spaventati da rifiutare: "È successo per davvero, di aprire la porta ad alcuni colleghi andati a visitarli a domicilio. Li vedono bardati nelle tute bianche e immaginano la catastrofe".

"Riprendere in mano il territorio"

Una questione sollevata anche da Massimo Galli, che ha sottolineato l'urgente necessità di "riprendere in mano il territorio, riagganciare la rete di protezione". L'infettivologo del Sacco di Milano ha reso pubblico il contenuto di una chiamata ricevuta da un suo amico che gli ha chiesto un aiuto telefonico per il suocero che era febbricitante: "Appena ho ascoltato la sua voce mi sono accorto che non c'era un minuto da perdere. L'ho fatto ricoverare. Gli hanno riscontrato una desaturazione al 70%. Questo signore aveva il genero che ha potuto chiamarmi, e gli altri?".

Ad esempio Felicia Craciun ha raccontato la terribile esperienza personale che ha vissuto: dopo essersi recata alla guardia medica, le è stato diagnosticato l'herpes zolster. La colf romena ha ritenuto necessario andare al pronto soccorso perché siedeva su una sedia a rotelle e non riusciva più a muovere le gambe: "Mi hanno fatto la risonanza magnetica e hanno detto che era una stupida ernia. Devo ringraziare una dottoressa che mi ha fatto fare una radiografia al torace: polmonite batterica paracardiaca".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Marcolux

Mer, 18/03/2020 - 10:18

Beh, qualcuno si meraviglia? Siamo a Napoli eh! Non dimenticatelo mai. MI meraviglio anzi che esistano ancora i numeri minimi per tenere aperti gli ospedali. Scommetto che se va avanti il virus, molti ospedali chiuderanno a causa del fuggi fuggi generale, medici compresi!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 18/03/2020 - 10:53

Ce ne sono sempre stati, troppi, non sempre giustificati.

titina

Mer, 18/03/2020 - 11:17

Tutti concentrati a Napoli a differenza degli altri ( veri) medici del resto d'Italia. Sono disgustata.

Ritratto di Belphagor

Belphagor

Mer, 18/03/2020 - 11:18

Da certificato falso a licenziamento in tronco è un attimo.

jaguar

Mer, 18/03/2020 - 11:41

Spiace dirlo, ma i napoletani non si smentiscono mai.

alberto_his

Mer, 18/03/2020 - 12:01

Prendere provvedimenti duri, renderne pubblico contenuto e nomi: è proprio in momenti come questi che si vede chi svolge una professione tanto importante per dedizione e chi invece vuole solo il posto di lavoro pubblico sempre garantito. Massimo disprezzo per chi froda così

ulio1974

Mer, 18/03/2020 - 12:26

Essendo il fatto a Napoli, la vera notizia è che non lo abbiano fatto tutti! Cmq., che sgamati con certificati falsi, opterei per il lavoro coatto non retribuito e limitatamente alla durata dell'emergenza, dopodichè il licenziamento. Naturalmente il tutto in parallelo alla denuncia penale.

ulio1974

Mer, 18/03/2020 - 12:27

VOGLIAMO I NOMIIIII !!!!!!

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 18/03/2020 - 12:41

Evidentemente medici e infermieri non sono tutti "eroi", in tantissimi fanno più del dovuto ma c'è sempre un congruo numero di mascalzoni che andrebbero individuati, sanzionati ed espulsi dall'ordine. Detto questo occorrerebbe indagare anche su chi gli ha certificato la malattia, non credo se la siano autocertificata.

Ilsabbatico

Mer, 18/03/2020 - 13:22

Beh ? Siamo a Napoli , mica a Milano!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 18/03/2020 - 14:20

Questa gente sono la vergogna di tutta la Nazione e la causa di tante (e giuste) maldicerie sulla città e sugli abitanti. E magari i primi a risentirsi se si parla male di Napoli.

Ritratto di pfedrizzi

pfedrizzi

Mer, 18/03/2020 - 14:34

I disonesti ci sono ovunque dal Brennero a Pantelleria dalla Valle d'Aosta al Friuli così come gli stupidi. Secondo Carlo M.Cipolla, che ha scritto un trattato sulle leggi della stupidità umana, gli stupidi sono più pericolosi dei disonesti perché contro i disonesti puoi organizzarti mentre contro gli stupidi no. Il vero stupido è quello che tiene comportamenti che danneggiano molti oltre a se stesso e da ciò non trae nemmeno utilità. In questo periodo abbiamo qualche esempio ...

Mborsa

Mer, 18/03/2020 - 15:37

Questi assenteisti sono professionalmente colpevoli, ma nel contempo non possiamo dimenticare altri dipendenti di servizi pubblici, ove si invoca addirittura il "diritto" di restare a casa: parlamento, Ministeri, Agenzia delle entrate, carceri, poste (?), banche(?) e simili. La tutela della salute è un diritto, nei limiti dei danni a terzi, ma senza il ricorso a frodi.

bobots1

Mer, 18/03/2020 - 15:48

Ieri ho ascoltato l'intervista da Vespa dell'infermiere Lorenzo. Ha detto:"Siamo consapevoli del rischio ma è il nostro mestiere, lo abbiamo scelto noi. Mi preoccupo solo perchè potrei contagiare la mia famiglia." Tutta la mia grande stima per questa persona. Tra tanti birilli che parlano a vanvera un vero uomo.. Niente eroi, niente lacrime, niente paure, un applauso all'uomo! Dei 259 medici di Napoli stendiamo un velo pietoso...può essere che qualcuno di loro sia veramente malato.

kayak65

Mer, 18/03/2020 - 15:54

l'avevo predetto ad un amico del sud. se dovesse capitare quello che purtroppo succede al nord vedrai quanti medici e paramedici che si fingeranno malati...profezia avverata in parte. il bubbone non e' ancora scoppiato e pero davvero non lo faccia mai, ma se...allora saranno davvero guai

Duka

Mer, 18/03/2020 - 15:59

E un gran numero di medici della mutua che si sono inventati dei congressi ma in realtà se la sono svignata?

federico61

Mer, 18/03/2020 - 16:13

Girerei la notizia al Ministro Provenzano (non è lui che ha detto che Milano deve restituire quello che ha ricevuto)?

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Mer, 18/03/2020 - 16:50

E cosa ne dice il De Luca che fa l'imitazione di Crozza?

buonaparte

Mer, 18/03/2020 - 17:02

ma avevano le mascherine ed i guanti per proteggersi e proteggere i malati che visitano ed assistono? .. perchè senza le protezioni meglio a casa che fare danni..

Nicola48ino

Mer, 18/03/2020 - 17:06

Non vi ricordate a Roma qualche anno fa a capodanno? Più della meta'dei vigili a casa in malattia. Una volta il medico della usl arrivava a tutte le ore, adesso prima telefona e poi arriva. Questa è l'Italia.

Giorgio5819

Mer, 18/03/2020 - 18:09

Caro sindachello, questa é la cultura di questi suoi concittadini ?.... avanti, si faccia vivo adesso, ci metta la faccia e si svegli. Lei che ha avuto il coraggio di dire che il virus é partito dalla Lombardia, dove medici in pensione tornano al lavoro per l'emergenza e ci MUOIONO. VERGOGNA PER I CODARDI IN FUGA FALSIFICATA: questione di cultura del furbo.....

Gianca59

Mer, 18/03/2020 - 18:46

Spero che un magistrato indaghi e che li faccia radiare all' ordine: veramente indecorosi ! Un duro colpo alla credibilità della sanità campana, e sarà per quello che De Luca, nonostante le uscite in conferenza stampa, conoscendola meglio di altri, ha chiesto di chiudere la Campania fin all' inizio.....

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 18/03/2020 - 19:07

@Gianca59 - ma figurati, credi alle favole? Magari votano lo stesso partito? Non ti viene sto dubbio?

Anticomunista75

Mer, 18/03/2020 - 19:17

Napoli...manco a dirlo...De Magistris, invece di usare il Coronavirus per vomitare il suo odio sui settentrionali guardi in casa sua. Forse sarebbe meglio.

ilguastafeste

Mer, 18/03/2020 - 19:39

Se hanno presentato certificati falsi penso che il minimo sia lasciarli a casa per sempre e vietare di lavorare ancora per qualsiasi ente pubblico a vita. Poi magari c'è anche il penale.

VecchioTambo

Mer, 18/03/2020 - 19:47

In questo momento abbiamo bisogno di tutti, eroi e vigliacchi ma desidero fare una domanda da ignorante quale sono: i medici hanno il medico di famiglia che dichiara la malattia o se la fanno loro stesso? Mandoamogli la visita di controllo poi, se sono dichiarazioni false diamogli una multa e mandiamoli a curare i malati di cotonavirus

Ritratto di Montenapola

Montenapola

Gio, 19/03/2020 - 10:59

A smentire il tutto, nello stesso giorno in cui è stata diffusa questa notizia, senza che nessuno si preoccupasse di verificarla realmente, è stato il manager del Cardarelli Giuseppe Longo, che con un video ha chiarito la situazione: "Sono in totale 33 e non 249 i medici del Cardarelli, su 739 di cui 16 nei dipartimenti assistenziali e 17 nel dipartimento di emergenza e accettazione (pronto soccorso che fronteggiano anche il Covid 19). Di questi ultimi 4 sono affetti da patologie croniche e 4 positivi al tampone per il Covid 19 in isolamento fiduciario in base alle disposizioni di sorveglianza sanitaria prevista dal decreto del governo per fronteggiare l'emergenza epidemiologica. Gli altri 9 sono ammalati per il Covid 19".