Travolto mentre attraversa e spunta il video terribile

L’incidente in Corso Vittorio Emanuele a Napoli. Il pedone ha una ferita ad una gamba ma non è in pericolo di vita. L’uomo al volante in un primo momento è scappato ma successivamente si è costituito

Un uomo che vola in aria dopo essere stato travolto da un’auto mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali. È questa la drammatica scena catturata dalla telecamera di sorveglianza di un’attività commerciale a Napoli la mattina del 6 agosto. L’incidente, che per fortuna non ha provocato conseguenze fatali al pedone, è avvenuto intorno alle 7 e 30 in Corso Vittorio Emanuele, a pochi passi dai giardinetti. Prima di passare sull’altro marciapiede, l’uomo ha guardato se la strada fosse libera. Nonostante l’attenzione prestata, il pedone è stato investito da un'auto che non si è accorto di lui.

La vittima vola sull’asfalto ma fortunatamente non batte il capo. Resta, però, dolorante a terra. Qui la scena da impressionante si fa surreale. Improvvisamente gli si avvicina un giovane che prova ad aiutarlo e poi scappa via lasciando l’uomo in mezzo alla carreggiata. Il pedone, successivamente soccorso, è rimasto ferito ad un gamba ma non è in pericolo di vita.

A raccontare cosa è accaduto in quei momenti è Antonio, il figlio dell’uomo investito: "Mio padre stava attraversando la strada e viene sbalzato in aria da questo pirata della strada che dopo averlo investito invece di prestargli soccorso fugge voi". Il giovane ha spigato che nessuno dei presenti era riuscito a prendere il numero di targa ed invece in modo inaspettato il conducente del veicolo "dopo un po' ha deciso di costituirsi, è stato denunciato e gli è stata ritirata la patente. Per fortuna mio padre sta bene".

Sulla vicenda, terminata senza gravi conseguenze, sono intervenuti il consigliere Regionale dei Verdi-Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, che ha diffuso il video dell'incidente su Facebook e la consigliera dello stesso partito della Municipalità I, Benedetta Sciannimanica."Innanzitutto siamo molto felici che il padre di Antonio stia bene, questa è la cosa più importante. Purtroppo quello della pirateria stradale resta un fenomeno molto preoccupante, se invece di un uomo adulto su quelle strisce ci fosse stato un bambino l’epilogo sarebbe potuto essere molto più drammatico, non vogliamo nemmeno pensarci". "Per questo- hanno sottolineato gli esponenti politici- è urgente e necessario provvedere ad installare dissuasori di velocità nelle strade più critiche, prevedere controlli continui delle forze dell’ordine e pene molto severe per i pirati della strada".

Solo due giorni fa in piazza Carlo III a Napoli si è registrato un incidente mortale. M.G., una ragazza di appena 15 anni, ha perso la vita mentre l'amica 14enne è rimasta ferita e ha riportato una frattura alla gamba destra e una prognosi di 30 giorni. L’incidente è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato. Le adolescenti stavano attraversando la strada quando un'auto, una Smart guidata da un 21enne, che procedeva verosimilmente a velocità sostenuta le ha investite.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Fjr

Lun, 10/08/2020 - 13:34

se l'assicurazione vede questo video il pedone non becca un centesimo

Fjr

Lun, 10/08/2020 - 13:40

video choc,vabbe'se lo guardate in slow si capiscono parecchie cose;)

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 10/08/2020 - 14:56

Ma se è stato sfiorato! Siamo a Napoli,città delle truffe alle assicurazioni.

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Lun, 10/08/2020 - 15:29

mbferno - Questo concetto lo ha appreso in uno dei suoi corsi di laurea (visto che in altro commento se ne vanta)? Sara` stato compagno di corso del Trota a Tirana...

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Lun, 10/08/2020 - 15:32

Fjr, non vedo cosa ci sia da capire, il pedone era ormai in mezzo alla strada, l'automobile non andava ad una velocita` che avrebbe sconsigliato il pedone dall'attraversare, quindi l'automobilista non lo ha visto proprio, stava probabilmente scrivendo un sms.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 10/08/2020 - 16:05

@Peccatooriginale,i suoi commenti sono sempre pieni zeppi di presunzione e arroganza. Il video l'ho guardato benissimo,due volte e si vede chiaramente il pedone guardare a sx da dove poi arriva la macchina pochissimo dopo ed inoltre si vede benissimo che guardava davanti a sé e non stava affatto scrivendo SMS sul telefonino. Ergo la macchina l'ha vista. Però capisco che per avere un po' di notorietà si scrive sempre qualcosa,anche baggianate.

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 10/08/2020 - 16:44

peccatooriginale, mbferno è esattamente quello che scrive, lui più che laureato è un "laurato" alla catena di montaggio, oggi con una piccola pensione e sfoga le sue frustrazioni e annichilimenti con i suoi "dissimili", infatti è una entità a se stante.

ST6

Dom, 13/09/2020 - 12:47

Le compagnie d'assinculazione maggiori hanno team di investigatori che intervengono su ogni singolo caso (flag "sospetto") segnalato dai loro dipendenti/avvocati, e liste nere dove sono segnalati gli avv.ti della controparte più sospetti/che abbiano trattato truffe conclamate. E denunce e arresti fioccano negli ultimi anni. Riatrutturazioni del genere sul piano nazionale ovviamente presuppongono che le truffe non accadano solo in certe aree geografiche, come infatto è.