Per 800 giorni in carcere ma l'uomo era innocente: lo Stato deve risarcirlo

Lo Stato gli ha riconosciuto un cospicuo indennizzo per la detenzione forzata e il caso di malagiustizia, ma sarà faticoso per l’uomo ricominciare una nuova vita

Ha ricevuto un risarcimento di quasi 200mila euro per l’errore giudiziario di cui è stato vittima, ma nessuno potrà mai restituire la serenità all’imprenditore napoletano, coinvolto, suo malgrado, in una vicenda drammatica, che gli ha rovinato la vita, creandogli ferite morali che difficilmente potranno rimarginarsi. A causa di un’intercettazione ambientale interpretata in modo sbagliato, l’uomo è stato costretto a trascorrere ottocento giorni in carcere, pur essendo innocente e a subire l’umiliazione di essere considerato un delinquente. Adesso lo Stato gli ha riconosciuto un cospicuo indennizzo per la detenzione forzata e il caso di malagiustizia, ma sarà faticoso per l’imprenditore dell’area vesuviana ricominciare una nuova vita.

Per anni, quattordici dall’omicidio di cui era considerato tra i colpevoli e otto dall’errore giudiziario, è stato etichettato da tutti come assassino, ma lui con la morte di Luigi Borzacchiello non c’entrava nulla. L’uomo venne ucciso a dicembre del 2006 ad Afragola, città dell’hinterland napoletano. Era considerato dagli inquirenti legato al clan Mariniello e giustiziato per i consueti regolamenti di conti tra bande rivali. L’imprenditore, imparentato con persone ritenute affiliate alla camorra, si è ritrovato in mezzo, accusato prima da un collaboratore di giustizia e successivamente finito in un’intercettazione ambientale. Per i giudici non ci sono stati mai dubbi sulla sua colpevolezza e in primo grado fu condannato a 30 anni di carcere.

In Appello, grazie alla solerzia dei legali dell’imprenditore, è venuta fuori la verità. Si sono sgretolate tutte le prove nei suoi confronti e anche l’intercettazione, confusa e frammentaria, non ha avuto più la rilevanza che aveva assunto in precedenza. Le voci si accavallano e dall’audio non si è mai ricavato il nome dell’indagato. L’errore è risultato evidente e l’uomo, dopo oltre due anni di carcere e di umiliazioni, è stato assolto. Solo allora si è cominciato a parlare di risarcimento, ma anche quello che poteva essere considerato un normale e sacrosanto “atto di giustizia” è diventato un calvario. La norma, come specifica Libero, prevede delle limitazioni quando l’ingiusta detenzione nasce anche in conseguenza della condotta o delle “frequentazioni” del condannato. Ma l’imprenditore napoletano non poteva non frequentare i suoi familiari e quindi alla fine, dopo lunghe tribolazioni, l’ha spuntata, ottenendo come magra consolazione il rimborso dello Stato.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Trinky

Trinky

Mar, 20/10/2020 - 12:09

E il magistrato che ha sbagliato e che dovrebbe pagare lui il risarcimento invece sarà promosso?

roberto67

Mar, 20/10/2020 - 13:11

Penso già a quando dovranno risarcire Bossetti, incarcerato senza una sola prova a suo carico.

cgf

Mar, 20/10/2020 - 13:23

200mila euro per la privazione delle libertà, per aver distrutto il lavoro di una vita, gli affetti e molto altro ancora, non sono sufficienti se per un parchimetro scaduto da 5 minuti…

giove4

Mar, 20/10/2020 - 13:53

In qualsiasi azienda, se un dipendente arreca un danno, materiale o di immagine, viene sanzionato se non allontanato. Perché i magistrati sono impuniti?

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 20/10/2020 - 14:02

200.000 euro per 800 giorni di carcere, senza considerare li periodi dei processi e le parcelle degli avvocati, fanno 250 euro al giorno. E l'autore dell'articolo lo chiama cospicuo indennizzo??

stefano.f

Mar, 20/10/2020 - 14:18

Questa è l'Italia ci sono decine di casi ogni anno uguali che non vengono mai menzionati. Si tratta del famoso MODELLO ITALIA registrato brevettato .

stefano.f

Mar, 20/10/2020 - 14:22

E questo fenomeno di MALA GIUSTIZIA ovviamente in crescita. I danni li pagano con i soldi versati dai CONTRIBUENTI COMPRESI QUELLI VERSATI DAL INCARCERATO INGIUSTAMENTE. Quanto meno venissero versati dal magistrato .Visto che il modo per mandarcene uno in galera non si trova.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 20/10/2020 - 14:55

Dovrebbe pagarela magistratura, ma con i soldi loro non dello Stato, come in qualsiasi altro lavoro.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mar, 20/10/2020 - 15:11

il potere giudiziario in mano ai magistrati comunisti sin dal lontano 1945 ,hanno fatto di questo un 5° potere, sono intoccabili...sono comunisti e questa la triste realtà

ex d.c.

Mar, 20/10/2020 - 15:33

Dovrebbero pagare i Giudici che sbagliano ma tutti noi abbiamo delle responsabilità. Continuiamo a votare il Partito che appoggia e che è appoggiato da questa Magistratura non più attendibile.