De Luca: "La mia pagina Fb nel mirino degli hacker per due volte"

La denuncia sulla piattaforma social di Vincenzo De Luca: "Presenteremo esposto alla polizia postale"

La pagina Facebook del governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca avrebbe subito un tentativo di attacco da parte di presunti hacker. La notizia è stata resa nota nel pomeriggio di ieri, proprio dalla piattaforma social del presidente campano, in un post in cui s’è annunciata l’intenzione di presentare un esposto alla polizia postale sull’accaduto.

A far saltare l’attenzione sulla possibilità di un attacco, stando al racconto pubblicato dalla stessa piattaforma Fb, alcuni flussi di “mi piace” ritenuti sospetti dagli esperti e dallo staff del governatore della Campania. “Per due volte in poche ore, la pagina Facebook è finita nel mirino di hacker. Su due post, che abbiamo provveduto a rimuovere, si è registrato un abnorme numero di like sospetti”.

A insospettire i social media manager di Vincenzo De Luca l’origine dei profili che avrebbero iniziato in massa a mettere “mi piace” sui post del governatore campano. “Si tratta di like provenienti da profili palesemente falsi, tutti dall'estero (Russia, Ucraina, India e Thailandia in prevalenza). Abbiamo attivato l’azione di vigilanza di Facebook che sta analizzando tutte le informazioni”. Quindi l’annuncio di non voler lasciare che la cosa passi sotto silenzio né senza un intervento delle autorità: “Contro ogni azione di violazione dalla pagina stessa (privacy, copyright e furti d’identità) presenteremo un esposto-denuncia alla polizia postale”.

Tra gli utenti che hanno letto e commentato il post c’è solidarietà nei confronti del governatore. Più di un internauta ha fatto notare la “singolare” coincidenza del presunto attacco hacker con il periodo più caldo della fase pre-elettorale delle imminenti elezioni regionali in Campania. Ma c’è chi si definisce incredulo e chi non nasconde il suo scetticismo. Qualcun altro ancora ne ha approfittato per lasciare sulla bacheca di De Luca delle battute di spirito. Altri, invece, ritengono di vedere dietro l’attacco denunciato dalla pagina Facebook la longa manus di questo o di quell’altro avversario politico.

Fatto sta che l’attività social del governatore della Campania, dopo il breve stop del pomeriggio, è proseguita a pieno regime sia nella serata di ieri che nella mattinata di oggi. Rispetto al mondo dei social, De Luca non ha mai nascosto il suo scetticismo. Più di una volta ha rampognato le dinamiche del web “solo soldi e algoritmi, zero persone” e, tra l’altro, la sua pagina di Facebook porta, da sempre, in bella mostra le “avvertenze” ai frequentatori del social di Zuckemberg: "attenzione, questa pagina non fa uso di truppe cammellate, troll, fake news, palle e finanziatori occulti".

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?