Rapine ai supermercati, in tre finiscono in manette

Accusati di tre colpi in otto giorni a due supermarket di Cercola, in provincia di Napoli. Oltre a razziare gli incassi, rapinarono una cliente della borsa

Rapine ai supermercati, in tre finiscono in manette

Rapine ai supermercati, in tre finiscono in manette nel Napoletano. L’operazione porta la firma dei carabinieri in servizio presso la Tenenza di Cercola, in provincia di Napoli che hanno dato un volto ai banditi che, in soli otto giorni, razziarono due supermarket, uno dei quali per ben due volte.

Il primo episodio imputato alla presunta banda, composta da un 23enne e un 42enne residenti nella vicina città di San Giorgio a Cremano e un 38enne di Napoli, si verificò ai danni di un’attività commerciale nella giornata del 10 aprile dello scorso anno.

I tre, armati di pistola e a volto coperto, riuscirono ad appropriarsi di ben 1.600 euro dalla casse del negozio. Dopo otto giorni, la banda ritornò in azione. Nel mirino del "terzetto" finì un altro negozio in cui minacciarono la cassiera facendosi consegnare l’incasso da 1.400 euro e costringendo una cliente a lasciar loro la borsa che conteneva la somma di 70 euro e due telefoni cellulari. Evidentemente non ancora sazi, i tre sono accusati di essersi diretti allo stesso market a cui avevano fatto visita una settimana prima. Questa volta, nelle tasche dei malviventi, finirono soldi in contanti per 3.300 euro.

A carico dei tre indagati, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Napoli ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere a cui i carabinieri, nelle scorse ore, hanno dato esecuzione. Rispondono tutti dell’ipotesi di reato di rapina ai danni dei due supermercati nel comune dell'hinterland napoletano.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti