Napoli, i topi padroni del centro storico (patrimonio Unesco)

A Napoli c’è un vicolo dove da decenni i rifiuti sversati illecitamente finiscono per ostruire il passaggio ai pedoni. Residenti costretti a vivere tra topi e rifiuti

Lo sversamento illegale di rifiuti è continuo. Sgombrare il vicolo dalla spazzatura che lo invade significa solo fare spazio ad altri ingombranti e residui di lavorazione che richiedono uno smaltimento speciale. I cumuli spesso finiscono per ostruire il passaggio ai pedoni e per imprigionare i residenti, sopraffatti dal degrado e da una condizione igienico-sanitaria in cui potrebbero sopravvivere solo dei topi, che in quella stradina sono tanti e grossi. Succede da decenni. E questa è la situazione che continua a presentarsi in vico Piscicelli, nel rione Forcella. Nel centro storico di Napoli patrimonio dell’umanità secondo l'Unesco, in realtà quel vicolo sembra essere solo patrimonio degli incivili, che ad ogni ora del giorno arrivano con uno scooter, un carretto o anche a piedi per rovesciare rifiuti. Solo una decina di giorni fa vico Piscicelli è stato liberato dall’immondizia che aveva finito per otturarlo, ma, ad oggi, la situazione à ritornata critica. Un motorino resta lì abbandonato da tempo. È diventato rifugio dei ratti che hanno trovato tana in quel vicoletto.

Carmela vive nel palazzo che forma quella stradina che non attraversa mai. È costretta a tapparsi in casa per il tanfo che sprigiona quel pattume, che talvolta resta lì fermo per giorni, settimane. “Qui vivono anche anziani, invalidi – afferma – Io ho 54 anni, ho sempre vissuto qui e la situazione è sempre la stessa”. Il problema, secondo Carmela, si è acuito in vico Piscicelli da quando è stata attivata la raccolta differenziata nel quartiere: ogni condominio è stato dotato di bidoni che sono stati serrati per impedire a chiunque di gettarci immondizia, e gli incivili, quindi, finiscono per riversare tutto nel vico Piscicelli, a ridosso dei contenitori della raccolta indifferenziata. Ad abbandonare rifiuti, anche speciali, ci vanno persone del posto e alcuni dei rom e degli immigrati che si sono stabiliti nel quartiere. “Abbiamo ricevuto anche minacce da qualche immigrato, quando gli abbiamo chiesto di non gettare più nulla”, svela Carmela. “Questo è diventato il centro di raccolta di tutti i palazzi”, sbotta. “Non vengono mai a spazzare, stiamo pieni di topi – e aggiunge – abbiamo raccolto firme, abbiamo fatto denunce, siamo andati dagli assistenti sociali. Sono trenta anni che combatto”. Mentre parla davanti all’ingresso del palazzo dove vive, una pantegana grande quanto un coniglio a pochi passi cerca qualcosa da mangiare tra i rifiuti.

Dopo l’ultimo intervento di rimozione dei cumuli, sono state abbandonate pedane, un materasso, plastica, cartoni. Qualcuno ha lasciato in bella vista un pezzo di carne macellata. Un sacchetto pieno di rifiuti indifferenziati penzola dall’alto, è rimasto agganciato a un faro, probabilmente nel volo da qualche finestra. Per Gennaro, “manca anche una tempestività” nella raccolta di quei rifiuti speciali che vengono abbandonati: “Si forma il cumulo e arriviamo a stare per 20-25 giorni con questi rifiuti”. La presenza costante dei rifiuti espone i residenti anche a roghi tossici. “Ad agosto tre volte ci siamo incendiati e abbiamo noi dovuto spegnere dal balcone il fuoco, con secchi e pompe. Poi sono arrivati i vigili del fuoco, che hanno finito di spegnere”, ha raccontato Carmela. Mancano i controlli, sostengono i residenti.

Sulla questione, il consigliere della quarta municipalità, Simone Guarino, dichiara: “Noi, come municipalità, abbiamo segnalato agli uffici competenti. Purtroppo è una situazione abbastanza pesante: con tutto ciò che accade, arrivano i ratti e diventa una grande problema igienico-sanitario. Ho chiesto la derattizzazione e di aggiustare a terra, ma fino ad oggi la situazione è quella che avete visto”. Che si ripari la pavimentazione fatta di basoli lo chiedono anche i residenti, perché i topi si rifugiano dove il basolato risulta danneggiato. “Il problema più grave sono i topi – riferiscono gli abitanti del vico. Il Comune non viene ad aggiustare la strada. Ci siamo sentiti dire anche che è un vicolo privato, che è nostro”. I ratti trovano riparo anche nelle cavità presenti tra i mattoni che formano le pareti dei palazzi. Sullo stato in cui è ridotto vico Piscicelli critiche all’amministrazione comunale arrivano anche da un altro consigliere municipale, Mario Maggio: “Ci sono signori con questi motocarri che vanno pulendo le cantinole e, siccome vico Piscicelli ha ancora i contenitori per l’indifferenziato, vengono a sversare tutti nel vico Piscicelli. A questo poi si aggiunge la deficienza da parte dell’amministrazione comunale centrale, più volte sollecitata in commissione dal sottoscritto e dai commissari per far partire nel centro storico patrimonio dell’Unesco la raccolta differenziata”.

Continue segnalazioni arrivano all’amministrazione comunale e all’Asìa anche dal Comitato diritti essenziali. “Vico Piscicelli fa parte di quell’area urbana definita da noi ‘Triangolo della vergogna’che, insieme a via dell’Annunziata e via Forcella sono in comodato d’uso degli incivili. Periodicamente siamo costretti a sensibilizzare, con delle note scritte accompagnate da foto, l’amministrazione e l’Asìa per liberare i marciapiedi e ripristinare il passaggio pedonale di tali luoghi”, afferma la portavoce, Patrizia Bussola, che solleva l’attenzione anche su via dell’Annunziata, dove a distanza di poche ore dall’ultimo intervento di rimozione sono ritornati gli ingombranti. L’idea dell’organizzazione che rappresenta è che “dietro questo fenomeno alcune delle cause sono sicuramente l’evasione della tassa sulla spazzatura e gli affitti a nero dei terranei. Inoltre – aggiunge Bussola - i residenti parlano di sversamenti illegali di materiale da risulta e ingombranti in piena notte, affidato per pochi euro ai disperati del posto, che arrivano in vico Piscicelli con piccoli motocarri carichi di tutto e di più. I residenti si lamentano con noi, ma non fanno denunce”. Poi conclude: “Servirebbero controlli mirati e ci chiediamo che fine hanno fatto i 'vigili accertatori' voluti dall’ex sindaco Iervolino. Ma esistono ancora?”.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

aldoroma

Mar, 18/02/2020 - 09:34

Ma a Napoli non c'è un Sindaco che dice che la sua città è tutto ok?

Carlo56

Mar, 18/02/2020 - 09:36

Non credo che De Magistris abbia ancora capito che ha bisogno di un minor numero di richiedenti asilo, ma di più turisti.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 18/02/2020 - 09:52

tranquilli giggino 'o sinnaco, a breve distribuirà le tessere elettorali tra le chiaviche per la votazione a governatore!!!

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 18/02/2020 - 10:09

"""DIMMI CON CHI STAI, E TI DIRÒ CHI SEI"""!!!

Ritratto di bimbo

bimbo

Mar, 18/02/2020 - 10:56

Vedi napoli e poi muori.. hihihihihihihihihihi