Sesso su una panchina della villa comunale: 20mila euro di multa ai due compagni

L’accusa per la coppia omosessuale è di atti osceni in luogo pubblico, essendo stati sopresi a consumare un amplesso in un punto non appartato e visibile perfino dai bambini impegnati nel parco giochi di Napoli

Si scambiavano effusioni intime a pochi metri dall’area giochi per bambini: sesso esplicito, in pieno giorno, nella villa comunale di Napoli, dove sono intervenuti i vigili urbani per sanzionare gli amanti focosi. 10mila euro di multa a testa per i due uomini, un napoletano e un residente in provincia, che si sono lasciati andare alla passione amorosa senza freni inibitori.

L’accusa per la coppia è di atti osceni in luogo pubblico, essendo stati sopresi nella villa comunale a consumare un rapporto sessuale in un punto non appartato e visibile perfino dai bambini impegnati a giocare nel parco adiacente alla panchina dove i due uomini si sono spogliati senza preoccuparsi di essere visti.

Alcuni passanti, increduli per quanto stava accadendo sotto i loro occhi, hanno allertato la polizia municipale, che è intervenuta bloccando i due uomini. Per loro non è scattata la denuncia perché di recente il reato di atti osceni in luogo pubblico è stato depenalizzato, ma la sanzione che dovranno pagare è molto salata e ammonta a 20mila euro, con la diffida a non ripetere il gesto inconsulto. Alcuni mesi fa, a Trento, una coppia islamica fece sesso al parco, davanti ai bimbi, provocando l’indignazione dei residenti.