La truffa del finto poliziotto: così rapinava i turisti a Pompei

Fingendosi agente riuscì a farsi consegnare lo zaino con 6mila euro da un coreano nell'area esterna agli Scavi di Pompei. Incastrato dalle indagini dei poliziotti veri

Si finge poliziotto e rapina un turista coreano, individuato il rapinatore: si tratta di un 33enne iraniano.

L’episodio in questione s’era verificato il 29 giugno scorso, nell’area esterna agli scavi di Pompei. Il turista asiatico era in compagnia della figlia quando venne avvicinato da un 33enne che gli si qualificò quale poliziotto. Gli chiese, dunque, di consegnargli lo zaino per consentirgli di compiere un banale controllo di routine. L’uomo abboccò all’escamotage del rapinatore, consegnandogli la borsa al cui interno c’erano ben 6mila euro.

Una volta ottenuto lo zaino, il 33enne è balzato in una vettura – guidata da una donna – e s’è dato alla fuga. A nulla erano valsi gli sforzi del turista che, nel disperato tentativo di ostacolare il rapinatore e di recuperare il maltolto, s’è perfino lanciato contro la vettura provando ad aggrapparsi a una portiera.

Le indagini, dopo qualche tempo, hanno consentito agli investigatori di fare piena luce attorno all’accaduto e di dare un volto al sedicente agente. Così, dall’esame dei filmati delle videocamere e grazie a una complessa attività d’indagine, i poliziotti veri hanno scoperto l’identità del loro preteso collega in un 33enne di nazionalità iraniana. L’uomo, attualmente, trova in carcere a Venezia dove risulta detenuto per altra causa. In Veneto è stato raggiunto dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a suo carico dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Torre Annunziata.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 28/09/2019 - 10:32

Ora dovrebbe chiedere la restituzione del maltolto con il raddoppio della somma rubata. Non li ha? A lavorare con le catene al piede. Così uno Stato serio dovrebbe fare.E chi sene frega se gridano al fascismo, ma siamo stufi di essere vittime e non essere più risarciti.

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 28/09/2019 - 11:42

Si vabbe' l'hanno preso,scontera' qualche settimana di galera (ad essere cattivi) ma la cosa più importante,li sordi.....ADDIO! Il turista? Un ingenuo cornuto e mazziato:chiedere il tesserino da poliziotto no eh?

Italianocattolico2

Sab, 28/09/2019 - 14:46

Ci siamo ridotti a fare da centro di raccolta di tutta la feccia uscita dalle galere del pianeta. E la magistratura ha sempre pronta una qualsiasi giustificazione per lasciarli liberi di tornare a delinquere. E i ministri abusivi cosa fanno ?? Si adeguano al Presidente della repubblica e si voltano dall'altra parte.