Cronaca locale

Terrore in strada: rissa fra stranieri a colpi di ascia

La rissa si è consumata in via Marina nel corso della notte. Gli stranieri si sarebbero lasciati andare anche ad atti di vandalismo

Terrore in strada: rissa fra stranieri a colpi di ascia

Non c’è pace a Napoli. Alle numerose azioni di violenza che si sono registrate nell’ultimo periodo dal centro città alla periferia si aggiunge la brutale rissa fra tre persone, probabilmente straniere, avvenuta la scorsa notte in via Marina.

Una scena orribile ripresa con il cellulare da un’automobilista di passaggio. Nel video, della durata di pochi secondi, si vedono tre uomini che si fronteggiano in strada. Uno di essi brandiva un bastone, forse un’ascia, per fronteggiare i rivali. Non si sentono le urla dei contendenti ma solo parole di sgomento da parte di chi sta riprendendo la scena.

Stando alle immagini (non proprio nitide) in quel momento in zona, oltre alle auto, pare non ci fossero passanti. Ma la violenza ha gettato nel panico i residenti anche perché sarebbero state compiute azioni di vandalismo. Alcuni testimoni hanno segnalano che durante la rissa si sono registrati una serie di danni, tra cui la distruzione del vetro della fermata del bus. Inoltre sarebbero stati lanciati oggetti contro le vetture di passaggio.

“Situazione sfuggita al controllo. Chi va in strada rischia ogni volta l’incolumità. Interventi subito, la sicurezza è una priorità", ha scritto nelle sue pagine social il consigliere regionale di Europa verde Francesco Emilio Borrelli che ha rilanciato il filmato avuto dai cittadini. "Si è perso ogni controllo sul territorio", ha denunciato l’esponente politico evidenziando che la violenza "si è impadronita della città e le strade sono ormai off-limits per i cittadini perbene. Chi le percorre, per andare a lavoro, a scuola, per delle commissioni, per fare delle visite o la spesa, si espone ogni volta, di giorno o di notte, a potenziali pericoli per la propria incolumità".

Borrelli invoca interventi urgenti ricordando che “questo lo chiediamo da anni. Invece si è fatto finta di non vedere, si è aspettato, ora la situazione è sfuggita di mano". Il consigliere regionale ha, infine, evidenziato che ripristinare la sicurezza è "una priorità: il territorio va continuamente presidiato ed occorrono interventi duri e determinati".

Commenti