Vandali distruggono parco giochi per i bimbi nel monastero di Santa Chiara

Un gruppo di vandali ha danneggiato e in parte distrutto un parco giochi per i bimbi situato all'esterno dello storico monastero di Santa Chiara: il grave atto vandalico è stato denunciato dal consigliere della II municipalità di Napoli Pino De Stasio

Un grave e vergognoso atto vandalico è stato compiuto nella città di Napoli, dove a è essere preso di mira questa volta è stato un piccolo parco giochi dedicato ai più piccoli. Si tratta dell'area giochi che sorge nello spazio esterno antistante al celebre e storico monastero di Santa Chiara, situato proprio nel cuore del centro storico di Napoli, a pochi passi dall'omonima chiesa.

Molto probabilmente l'atto vandalico deve essersi consumato la scorsa notte. Questa mattina, infatti, i tanti cittadini del posto che solitamente frequentano il parco giochi e l'area per i cani che sorge poco distante, si sono trovati davanti una scena triste e sconcertante. Le giostrine del parco erano state vandalizzate e in parte distrutte: una casetta è stata divelta e poi rovesciata a terra, mentre uno scivolo è stato prima completamente distrutto e poi gettato all'esterno della recinzione.

L'azione vandalica che ha danneggiato il parco giochi è stata segnalata e denunciata dal consigliere della II municipalità di Napoli Pino De Stasio, che è anche titolare di un bar a pochi passi da Santa Chiara. Il consigliere ha pubblicato alcune immagine dell'area verde sulla sua pagina facebook, commentando così i fatti:"Vandalizzati stanotte i giochi dei bambini, all’interno dei giardini pubblici di Santa Chiara. Cosa dire? Forse è una città oramai che ha perso l’amore per se stessa e per i propri figli".

Purtroppo non è la prima volta che il monastero di Santa Chiara subisce atti vandalici di questo tipo. Molto spesso, per esempio, capita che sulla facciata della celebre basilica compaiano delle scritte, che poi vengono cancellate prontamente dai volontari che si occupano con grande impegno di ripulire tutto, cercando di preservare il decoro e la bellezza della struttura. La situazione però non è mai veramente cambiata, tanto che a distanza di poco le mura vengono nuovamente imbrattate. A tutto ciò, poi, si aggiunge anche una condizone di degrado e di incuria che da tempo caratterizza sia il parco giochi sia la zona dedicata ai cani. Per questo motivo, da mesi è sorta una polemica sulla scarsa manutenzione e cura del monastero, che è una delle basiliche più grandi e importanti della città e dovrebbe, perciò, essere maggiormente tutelata e non teatro continuo di degrado, sporcizia e vandalismo.

Segui già la pagina facebook di Napoli de ilGiornale.it?