Nata Leonor, in Spagna è già una regina

Elena Jemmallo

Non erano due gemelli, come si vociferava, e nemmeno un maschietto, ma una bimba, Leonor, la primogenita dell'erede al trono spagnolo, Felipe di Spagna. È nata ieri notte, con parto cesareo, seguito minuto per minuto dai giornalisti, avvisati direttamente dalla casa reale con tre sms nella notte e corsi alle porte della clinica madrilena in attesa dell’annuncio. E alle due e mezza è nata, con parto cesareo, in buona salute, così come la madre, la principessa Letizia.
«Questa è la cosa più bella che possa accadere nella vita di una persona», ha dichiarato raggiante il padre, principe delle Asturie, che ha assistito al parto. La piccola Leonor è la settima nipotina di re Juan Carlos e della regina Sofia, dopo i due figli della principessa Elena e i quattro della principessa Cristina. Avrà un trattamento da Altezza Reale e sarà Infanta di Spagna come le due zie. Quando il padre Felipe diventerà re, riceverà il titolo di principessa delle Asturie che spetta all'erede al trono.
Letizia e Felipe non avevano voluto sapere in anticipo il sesso del nascituro, ma il fatto che Leonor sia una bimba apre la porta ad una riforma della Costituzione spagnola. In base alla legge attuale, la piccola è al momento seconda nella linea di successione al trono, ma solo se non nasceranno fratelli maschi. Il governo aveva tuttavia anticipato di voler cambiare la Costituzione, per eliminare il privilegio maschile e porsi in linea con le altre monarchie liberali: Belgio, Olanda, Norvegia e Svezia.
In attesa della riforma, nella giornata di ieri c’è stato spazio solo per il racconto della nascita. Felipe di Borbone è rimasto accanto alla moglie durante il parto ed era così felice e travolto dalla tensione che al momento di prendere in braccio la sua primogenita non ha neanche guardato di che sesso fosse. Quando l'infermiera l'ha presa per lavarla, il principe si è riscosso e ha chiesto se era maschio o femmina.
Pochi minuti dopo il parto, la nascita è stata annunciata da un comunicato del palazzo reale. Il principe Felipe ha intanto telefonato personalmente al primo ministro José Luis Zapatero per dargli la notizia.
A poche ore di vita, gli occhi di tutta la Spagna sono già puntati su di lei. È già stata cooptata come membro d’onore della squadra di calcio Sevilla che le ha offerto la tessera. Altri invece hanno subito notato la casualità delle coincidenze sulle date: Leonor è nata nel trentesimo anniversario dell’incoronazione di Juan Carlos di Spagna. Una data, che secondo molti sarà di buon auspicio. E infatti i biglietti della lotteria di Natale aventi come numero di serie 31105 (leggibili come 31-10-2005) sono andati a ruba.
La casa reale intanto si preoccupava di acquisire tutti i possibili domini internet con il nome della piccola Infanta di Spagna, pensando alle varie combinazioni, come «Princesaleonor.com», «infantaleonor.com», fino a quella, ancora ipotetica, di «Reinaleonor». Una mossa preventiva per scongiurare inopportuni sequestri di identità sul web.

Commenti