Negli ospedali scatta il taglio di 6mila posti letto

Scatta il piano estate e arrivano i tagli dei posti letto negli ospedali della Lombardia. Saranno circa 6mila in meno e i reparti, in particolar modo quelli di Chirurgia, si preparano a lavorare a ranghi ridotti a causa del calo del personale in corsia. Ma in tanti temono che quest’anno dietro ai tagli (del 12%) si nascondano anche gli effetti della manovra. O che i tagli estivi siano un assaggio dell’andazzo dell’intero anno. Soprattutto dopo i timori espressi dallo stesso presidente lombardo Roberto Formigoni su possibili ripercussioni della Finanziaria sui servizi sanitari.
«Già gli infermieri sono sotto organico - spiega Ciro Capuano (Uil) -. Temiamo che con la manovra i numeri del personale si riducano ulteriormente». I tagli associati al piano ferie destano non poche preoccupazioni.
Ma dal Pirellone arrivano precise garanzie: «Il piano ferie degli infermieri è stato deciso a gennaio e non c’entra nulla la manovra. Per di più, la riduzione dei posti letto è inferiore rispetto allo scorso anno, quando si era attestata attorno al 17%».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti