Non solo regionali, tutti i Comuni che vanno al voto

Il 28 e 29 marzo in Liguria non si voterà solamente per il rinnovo della presidenza della Regione e del consiglio regionale ma sono diversi i comuni che dovranno rinnovare sindaci e giunte comunali. E andrà al voto anche una provincia.
Lo ha comunicato il Ministero dell’Interno che ha aggiornato gli elenchi degli enti locali chiamati alle urne. A rinnovare l’amministrazione provinciale sono chiamati i residenti dell’imperiese dopo le dimissioni del presidente in carica Gianni Giuliano. Nella provincia di Genova, invece, voteranno per il comune a Ronco Scrivia, San Colombano Certenoli, Vobbia. Ad Imperia saranno consegnate tre schede agli elettori di Perinaldo, Pietrabruna, Ronchetta Nervina e Santo Stefano al Mare. Alla Spezia votano a Levanto e Sarzana, mentre a Savona eleggeranno il nuovo sindaco ad Albenga e Zuccarello.
Per quanto riguarda i comuni di Sarzana e Albenga, nel caso nessun candidato superi il 50 per cento si andrà al ballottaggio essendo comuni con una popolazione superiore ai 15mila abitanti. Inoltre, nel Comune di Genova va ricordato che i residenti nei quartieri di Sampierdarena, Di Negro e San Teodoro rinnoveranno anche le cariche del consiglio del Municipio Centro Ovest che si è sciolto dopo le dimissioni del presidente Domenico Minniti e che oggi è guidato da un commissario, Michele Casissa, nominato dal sindaco Marta Vincenzi.
Ma ad avere il doppio onere del voto saranno anche diverse località sparse tra Piemonte e Toscana al confine con la nostra regione. Nell’alessandrino rinnoveranno le cariche comunali a Carrega Ligure vicino a Novi Ligure, a Cassine nell’aquese, a Gamalero (vicino ad Alessandria), Montacuto e Valenza nel tortonese. In Toscana vanno al voto nella provincia di Lucca Coreglia Antelminelli in Garfagnana e Pietrasanta in Versilia. Nel Comune di Villafranca in Lunigiana si tornerà al voto dopo la caduta anticipata dell’attuale giunta.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.