Non tutti i mali vengono per nuocere

T utti a dire che lo sconfitto è Salvini. In questa affermazione c’è del vero se si stringe il campo visivo alla sola Emilia Romagna, ma si tratta solo di una mezza verità elevata a tormentone per nascondere l’altra faccia della medaglia. Che è la seguente. I Cinque Stelle sono talmente sconfitti da aver perso, come pugili suonati, l’uso della parola e il gusto dell’apparire, via selfie o tv che sia. E anche Matteo Renzi non gode di buona salute. Lui non era in corsa, ma l’affermazione del Pd derenzizzato è un macigno sulla strada della sua rivincita. E quando si incontra un macigno per proseguire ci sono solo due possibilità: farlo esplodere con la dinamite (leggi aprire una crisi di governo) o fermarsi e tornare mestamente indietro. In fondo l’insuccesso di Salvini è un problema tutto interno alla Lega, che comunque resta in buona forma. Ma essendo la Lega un partito verticista Salvini-centrico la cosa sarà digerita e archiviata come incidente di percorso in men che non si dica. E non è detto che la sconfitta emiliano romagnola sia un male assoluto. Anzi, potrebbe portare una boccata di aria fresca nel centrodestra – l’unica aggregazione in grado di contrastare qualunque altra - e farlo ripartire con ancora maggiori probabilità di successo. Ogni elezione regionale è una storia a sé, l’Emilia a egemonia Pd non è la Calabria dall’elettorato volubile. Ma è un fatto che dove il Centrodestra, sia pure a trazione Lega, si è presentato con candidati rassicuranti e toni moderati il successo non è mancato ) neppure in zone a lui tradizionalmente ostili. In Calabria il «malato» Forza Italia, con le sue liste collegate, è resuscitato superando il 30 per cento, segno che da quelle parti c’è molta più vita di quanto si pensi e dica. Ma anche a livello nazionale dove il voto di opinione molto più rilevante che nelle amministrative, il rischio di coalizzare tutti contro Salvini «uomo solo al comando» può vanificare anche le migliori potenzialità teoriche della coalizione, come ben dimostra la storia del partito di Marine Le Pen in Francia. Salvini può farcela solo con una squadra in cui la componente moderata – al dilà del suo apporto numerico più o meno rilevante - non sia da lui ridotta a comparsa ma valorizzata in prima linea. È questa l’unica possibilità di spegnere sul nascere il ritorno di fiamma della sinistra e dei suoi ammennicolifaunistici tipo sardine e piccoli grilli (detti anche grillini). Se così sarà, il resto verrà da solo. Anche perché in campo avverso giocano Conte, Zingaretti e Vito Crimi, non esattamente tre fuoriclasse della politica.

Commenti
Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 28/01/2020 - 21:34

Il capitano ha perso perché ha suscitato illusioni di vittoria in una regione dove non è più possibile schiodare i voti dall'architrave parassitario che sorregge il sistema, ben visto e puntualmente foraggiato da Roma. Quando lo Stato paga è difficile governare male e con gli sghei (i nostri) i numerosissimi compagni burocrati si arricchiscono. Si sapeva. Continuo a pensare però che il capitano non si senta uomo di destra (certamente non quella liberale) e che stia studiando un'altra sorprendente alleanza. Da solo, ancora una volta. Ecco perché strizza l'occhio al proporzionale. Col maggioritario è stata e sarebbe ancora una truffa.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mar, 28/01/2020 - 22:11

I "toni moderati" sono l'elemento che rende difficile distinguere partiti come Pd, FI e Lega l'uno dall'altro. Il programma è lo stesso: più UE, viva l'euro, più immigrazione, liste elettorali bloccate, nessun referendum su questioni importanti, nessuna riforma di Stato e magistratura. Il resto è fumo.

Ritratto di faman

faman

Mar, 28/01/2020 - 22:34

il problema è che Salvini non è un moderato e nemmeno un fuoriclasse della politica. è un eccellente propagandista, le sue buffonate e sbruffonate (spesso cappella ma i suoi lo perdonano sempre) fanno presa.....ma poi????????

ex d.c.

Mar, 28/01/2020 - 23:21

Perfettamente centrato! Sappiamo che anche Salvini non è un fuori classe politico.l'importante è che se ne renda conto e si appoggi a chi lo è

newman

Mar, 28/01/2020 - 23:44

Bé, con un decremento percentuale del PD, rispetto agli aventi diritto al voto in E-R, del 22,1% ed un incremento percentuale della Lega del 64,52% io non scoppierei in lacrime se fossi Salvini.

maricap

Mer, 29/01/2020 - 00:08

Le regioni erano ambedue a guida PD Una è stata soffiata alla grande ai comunisti, e l'altra per poco fa la stessa fine. Però per i decerebrati merdaioli, anche se da due regioni, ora ne governano una sola, mica hanno perso loro. Ahahahah Niente da fare, comunisti si nasce. Ihihih

maricap

Mer, 29/01/2020 - 00:35

"Tutti a dire che lo sconfitto è Salvini." - Se ho duecento euro in tasca, e un borseggiatore riesce a rubarmene solo la metà, mica lo sconfitto ( Derubato) sono io, almeno secondo i figli di quella madre sempre incinta, per i quali a soccombere è stato quello che ora si godrà il malloppo. Salvini ( Centrodestra ) scippa alla grande la Calabria ai comunisti, e mette il peperoncino nel bus de gnao a quelli dell'Emilia.Romagna che fino allo scrutinio, sono stati con il fiato sospeso, dato che per poco non gli riesce il bis. Però per i decerebratelli rossi, Salvini è il perdente. Ihihih

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 29/01/2020 - 01:29

Vero che non tutti i mali vengono per nuocere. Sallusti ha ragione, come sempre.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 29/01/2020 - 08:02

Una Vittoria in Emilia sarebbe stato il passo più lungo della gamba perché la valida Bergonzoni calata nel palazzo dei serpenti a sonagli avrebbe subito boicottaggi, sabotaggi amministrativi e ostilità. Invece così i burocrati emiliani hanno tutto il tempo per entrare nel nuovo ordine di idee e convertirsi, tanto più che il becero Bonacini minaccia già lo jus-soli per sostituirli potenzialmente. Dunque va bene così.

Venditore

Mer, 29/01/2020 - 09:51

In Calabria, autodefinitasi terra delle Eccellenze, sanno bene come fare per arricchirsi: chiedere finanziamenti europei a fondo perduto. Questo gli permette di creare posti di lavoro e distribuire benessere, basta avere fantasia nel proporre progetti di sviluppo, tanto paga l'Europa. I grillini pensavano che col reddito di cittadinanza avrebbero portato a sé l'elettorato; nulla di più sbagliato, la Calabria prende a prescindere e quando finisce prende da un'altra parte, con buona pace dei politici illusi. Forza Italia invece, garantisce i flussi dei finanziamenti europei. Io la vedo così.

anna.53

Mer, 29/01/2020 - 10:17

Di "fuoriclasse" se ne vedono pochini, compreso il Salvini. Per altro il moderatismo che va a compromessi e al non cambiare il ceto parassitario , non è certo utile a dare lo scossone riformatore. La mentalità pare poi rassegnata, mancano "visioni" tipiche dei Politici fuoriclasse ( di una volta).

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 29/01/2020 - 10:28

@maricap Hai proprio ragione. Se hai duecento euro in tasca e te ne rubano la metà sei un vero vincente.

brunog

Mer, 29/01/2020 - 11:06

Il problema della Lega e alleati e' FI che come in passato e' ancora nostalgica del Nazareno. Al momento attuale a Salvini conviene stare da parte. La patata bollente e' nella maggioranza dove il PD ha la maggioranza nel paese mentre i 5S sono maggioritari in parlamento ma non nel paese. Renzi e' ridotto a fare la ruota di scorta. Adesso il PD vuole le redini del governo mentre i 5S, se vogliono risalire la china, devono imporre la loro agenda. Ma a tutto ci pensera' Conte.

nopolcorrect

Mer, 29/01/2020 - 11:22

Ottimo articolo tutto da sottoscrivere. Il trionfalismo del PD è ridicolo, intanto perché la sinistra ha perso ancora un'altra regione, la Calabria, e po per la fortissima affermazione della Destra in Emilia-Romagna.

maricap

Mer, 29/01/2020 - 11:46

@Quintus_Sertorius Mer, 29/01/2020 - 10:28 Bè, secondo i comunisti è andata come tu dici. Salvini gli ha scippato la Calabria, e solo per un soffio, non va a governare anche l'Emilia -Romagna, ma secondo i figli di quella madre sempre incinta, Ha comunque perso alla grande. Proprio vero che tonti si nasce,e poi inevitabilmente si vira a sinistra. Ma si, avanti popolo, alla riscossa, bandiera rossa trionferà. Ahahahah

ohibò44

Mer, 29/01/2020 - 12:15

Fornero ha dubbi sull’intelligenza di Salvini, io non so, comunque la sua intelligenza politica si vedrà: se seguirà il suoi consiglio di valorizzare i moderati dimostrerà di essere intelligente altrimenti di essere solo un furbo ampollista.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 29/01/2020 - 12:21

@maricap Di che "comunisti" parli? Tu sei rimasto alla Guerra fredda come i piddini con i loro "fascisti".

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 29/01/2020 - 12:33

Fuori tema. Il disclaimer sulla privacy è oltremodo fastidioso. Ogni pagina , appare. Diventa molesto.

Raffaello13

Mer, 29/01/2020 - 12:51

Chiamare fallimento l'aver tentato con coraggio l'assalto alla Fortezza Emiliano Romagnola, già corrosa da 70 anni di pseudo democrazia monopolistica monocolore, ed avendo già espugnato con Buon Governo (veramente Libero!) alcune città, è retorica di parte. E' stato doveroso fare un tentativo per mettere in discussione il Pensiero Unico.

glasnost

Mer, 29/01/2020 - 13:40

Amici miei, se parlate di "sconfitta" della Lega in ER significa che non conoscete per niente queste terre! Qui, come noto, non esiste neanche un presidente di una bocciofile che non sia comunista ( o come si chiamano adesso). Ed andare in giro per questi paesi, se non 6 un allineato, è come andare in giro nella Romania di Ceausescu a fare campagna elettorale contro Ceausescu stesso. Avete notato cosa è accaduto a Jolanda di Savoia soltanto perché il sindaco ha osato presentarsi con la Borgonzoni? Se allora il Capitano e la Borgonzoni sono riusciti ad ottenere il 43% è un risultato EROICO.

glasnost

Mer, 29/01/2020 - 15:20

Possiamo anche aggiungere che alla fine dei conteggi la sinistra ha potato a casa il 2,7% in più della destra. Nonostante i suoi mezzi imponenti. Non si può pretendere di arrivare in un posto "ostile" e la gente cambi immediatamente opinione.

gedeone@libero.it

Mer, 29/01/2020 - 15:37

In Italia, tra i politici c'è un solo fuoriclasse. Si chiama Silvio Berlusconi.

maricap

Mer, 29/01/2020 - 15:41

@Quintus_Sertorius Mer, 29/01/2020 - 12:21 Purtroppo, non è come tu dici, mentre il fascismo è morto e sepolto, il comunismo, sotto mentite spoglie, è ancora vivo e vegeto. La conferma di quanto affermo, è testé arrivata da glasnost Mer, 29/01/2020 - 13:40

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 29/01/2020 - 16:10

@maricap Il marxismo è ancora vivo, avendo sostituito i non europei al proletariato e gli europei alla borghesia nella teoria del materialismo dialettico. Da classista è diventato razzista. Ma il comunismo? Nessun partito in parlamento ha un programma comunista o socialista. PD, LEU e soci sono al massimo dei socialdemocratici estremamente spostati verso il centro.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 29/01/2020 - 17:29

Forza Italia rimane decisiva e il voto moderato va conquistato non spaventato. Shalòm.

nunavut

Mer, 29/01/2020 - 19:41

Secondo me (ne sono convinto) in E-R Forza Italia ha giocato sporco,ieri a Stasera Italia udivo uno di FI blaterare contro Salvini ma perché questi tipi non prendono le valige e con la carfagna non emigrano ne Pd? non vengano adirmi che il loro partito in ER vale solo quel misero 2,4%,accà nissune é fesse.

Franco_G

Mer, 29/01/2020 - 20:26

Caro Direttore lo sa che ieri sera in TV ha detto una cosa che è un errore grosso come una casa? Come può affermare che l'introduzione del bonus (quello da 100 euro) possa aumentare la tassazione al cittadino? Il bonus non costituisce aumento di imponibile, ma detrazione di imposta. Lei ha sparato una falsità per sminuire il valore del provvedimento e mettere addirittura paura nella gente che lo riceve. Non so se sia frutto di ignoranza ( a mio avviso non compatibile con un Direttore di giornale) oppure di malafede. Cordialmente

glasnost

Mer, 29/01/2020 - 20:52

A Bologna ci sono dei rumors che dicono che forzisti vicini alla Carfagna (quella che era andata con Fini) abbiano boicottato la Bergonzoni.

ClioBer

Mer, 29/01/2020 - 23:59

Per la legge del contrapasso, a questa ingistificata euforia, alla prossima seguirà una delusione tale, che li lascerà "tramortiti.

HARIES

Gio, 30/01/2020 - 11:03

Salvini ha perso anche perchè, recentemente, ha commesso degli errori grossolani e grotteschi. Cioè ha fatto scenate che sono state colte al balzo dai Media che di norma lo attaccavano sempre. Quindi probabilmente è stato forse lasciato solo nella compagna elettorale e i suoi collaboratori non hanno saputo consigliarlo o suggerire a lui delle strategie più serie e incisive. Poi, essendo la roccaforte rossa in bilico, si sono scatenati tutti contro di lui. Quindi difficile spuntarla, ma una tenuta c'è stata, certo! Ma ora Salvini dovrà vedersela con gli assedi finali contro di lui e la Lega.

Mborsa

Gio, 30/01/2020 - 11:19

Direttore, raccogliendo il tema dell'anti Salvini, fai il gioco del PD. Il tema vero è che il cdx, a parte l'immigrazione, non avanza proposte significative, perchè è preso a valutare gli errori di Salvini, la crescita della Meloni, la resurrezione (?) di FI. Cioè il cdx sta proprio partecipando a quel teatrino della politica, che Berlusconi tanto aveva avversato. Il "nuovo" PD sta rifacendo il bonus Renzi, che tanto era stato avversato dalla minoranza e dai sindacati; sta facendo quota 102 per "smontare" quota 100; sta bloccando il bilancio 2021 con 25 mld di manovra di salvaguardia e il cdx fa solo chiacchiere!

LUCATRAMIL

Gio, 30/01/2020 - 12:25

L'ipocrisia di sinistra ha subito messo il focus sulla vitoria in ER, nascondento il 47% di voti alla dx in quella regione e la sconfitta in Calabria, che considerano di serie B. Peraltro Ssalvini piace meno della Meloni perchè lei è accorta, in genere non ha atteggimenti maleducati (citofono) o ingenuamente maldestri (rapporti con la Segre anche se poco simpatica, ecc.) che gli hanno fatto mancare il consenso di molti incerti. La gente condivide le ragioni di salvini, meno i modi, quindi si affidi ad un consigliere che impedisca le brutte figure, lasciamole al Cavaliere (come con la candidata calabrese).

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Gio, 30/01/2020 - 15:15

I mali sono tutti per gli elettori. I politici continuano imperterriti a spartirsi il bottino delle razzie nei confronti di imprenditori , produttori, classe media. Io dei litigi tra partiti e correnti me ne sbatto. Io so che si vive sempre peggio.

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 30/01/2020 - 20:34

Ora è perfettamente inutile questionare sulle ragioni della mancata vittoria (non parlerei di sconfitta). Tra l'altro il centrodestra si è ben difeso in quella terra che fino a pochissimo tempo fa era inattaccabile: ora lo è molto meno e, così sembrerebbe, potrebbe essere diventata contendibile. Quello che invece viene ancora una volta decretato anche da questa tornata elettorale è l'anomalia di questo governo composto da forze che NON trovano riscontro tra i consensi reali del Paese. Non so quanto ancora vorrà aspettare il PDR a rendersi conto di questa enorme discrasia: forse la nostra Costituzione lo consente? No, non lo consente, come il PDR sa benissimo.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 30/01/2020 - 21:38

Non dimentichiamoci la "stranezza" TUTTA EMILIANA del voto disgiunto, che PERMETTE DI VOTARE UN CANDIDATO DI UNA LISTA E IL CANDIDATO PRESIDENTE DI UN'ALTRA LISTA, cosa che lascia pure un certo margine ai "tarocchi".

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 30/01/2020 - 21:44

Certo, naturalmente... Infatti, a chi comanda realmente, non importa un fico secco che ci sia Salvini, Zingaretti o PINCO PALLA a metterci la faccia. l'importante e' che IL CARROZZONE RISULTANTE SIA FILOEUROPEO, INGINOCCHIATO (a "cannon"...) AI 'DESIDERI' DELLA 'LIBERA FINANZA MONDIALE'. Che cosa meglio, dunque, che far fare una "conversione al centro" a Salvini promettendogli la vittoria? O meglio SOSTITUENDOLO DIRETTAMENTE CON GIORGETTI??

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 30/01/2020 - 22:30

@Quintus_Sertorius - solo i comunisti invasati affermano: "Ma il comunismo? Nessun partito in parlamento ha un programma comunista o socialista. PD, LEU e soci sono al massimo dei socialdemocratici estremamente spostati verso il centro." Ecco tu sei il loro campione. DI baggianate. Stattene a casa , rimbamba. Di porcherie sinistre ne sentiamo a iosa. Avete rotto i colleoni. Smettetela di fare i somari.

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Ven, 31/01/2020 - 07:37

Questa storia della sconfitta di Salvini fa ridere/piangere: 1. Se Forza Italia invece del misero 2%, vesse preso solo 3% al PD il cdx avrebbe superato il csx. 2. Il 45% del cdx in Emilia era un livello utopico solo 3-4 anni fa. 3. Rispetto alle amministrative scorse Lega e FdI hanno raggiunto livelli stratosferici. 4. il m5s è sparito. 5. Chi ha vinto lo ha fatto dicendo che lui rappresentava se stesso non il PD. 6. Chi ha vinto lo ha fatto solo grazie al voto disgiunto e l'aiuto dei 5s. 7. La lega da sola ha praticamnete gli stessi voti del PD nella roccaforte rossa. Questa sarebbe una vittoria? Giornalismo di cervelli all'ammasso per ragioni politiche (compiacere i loro amici rossi).

rino biricchino

Ven, 31/01/2020 - 09:31

A Franco-G: è malafede mio caro, solo patetica malafede, perché per dirigere un giornale come questo, ed alimentare oggi giorno l'industria della paura e della reazione di destra, bisogna essere per forza in malafede.

clickexange

Ven, 31/01/2020 - 10:14

i comunisti in Italia? Voi i comunisti non li avete mai visti.....

Ritratto di bimbo

bimbo

Ven, 31/01/2020 - 10:28

Egr direttore secondo me il 90 per cento dei peninsulari non sanno quello che dicono e sentono solo quello che vogliono. Pur di aver ragion veduta mentono anche se stessi.

Ritratto di lukiano

lukiano

Ven, 31/01/2020 - 10:53

La grande capacità dei sinistri è stata di imporre un giudizio estremamente positivo dell'operato di Bonaccini, giudizio peraltro mai messo in discussione dai rappresentanti del centrodestra. Inoltre, hanno lanciato insulti e giudizi negativi nei confronti della Borgonzoni, mai contestati se non con generiche lamentele. Questo è stato uno degli elementi determinanti della non vittoria, insieme al fatto di aver facilitato la costituzione di una ferrea coalizione contro l'uomo solo al comando ed i suoi "pieni poteri".