La nuova vita del Lido Palace dove il relax è a cinque stelle

La nuova vita del Lido Palace dove il relax è a cinque stelle

Ha riaperto i battenti lo scorso primo marzo il Lido Palace di Riva del Garda, più di centoundici anni di storia dell'ospitalità di altissimo livello che si manifestano oggi ai nostri occhi in una nuova e raffinata veste moderna.
Un nuovo abito, frutto di due anni di ristrutturazione affidata al pluripremiato designer Alberto Cecchetto, ma pur sempre nel rispetto dell'ambientazione originale, datata 1899. Ed è così che dopo l'accurato restauro il Lido Palace offre un interessante contrasto tra lo stile liberty e la modernità di resine, metallo e vetro. Sono 42 le camere, comprensive di 8 suites e 6 junior suites, che accolgono l'ospite con il loro arredamento in stile contemporaneo, tutti i comfort immaginabili e una vista mozzafiato sul lago e le montagne circostanti.
Emozioni intense che proseguono passeggiando nel parco storico che circonda il corpo principale dell'hotel: una superficie di circa 12.500 mq risalente a fine '800 che presenta importanti esemplari di Cedrus, Magnolia, Thuya e molte altre specie e la cui risistemazione ha avuto come presupposto un attento intervento di ripulitura, controllo e riassetto del verde esistente, mostrandosi in perfetta sintonia con il carattere romantico dell'hotel e richiamando nel contempo la sua affascinante storia.
Una storia che, come da italica tradizione, passa anche attraverso le cucine dell' edificio, regno oggi dello chef di fama internazionale Giuseppe Sestito, emblema dell'esperienza gastronomica dell'Alto Adige. Una cucina particolarmente ricercata e curata in maniera sapiente, le cui proposte per la cena fanno de «Il re della Busa», un elegante ristorante Gourmet inserito nella terrazza affacciata sul lago, la vera punta di diamante della ristorazione del Lido Palace. Ad accogliere gli ospiti all'ora di pranzo ci pensa invece il Ristorante «Tremani», in grado di accontentare sia coloro che desiderano farsi sorprendere dall'innovazione e dal servizio sia quanti richiedono una maggiore attenzione a menù dietetici e ipocalorici legati alla CXI Spa.
Un centro, quest'ultimo, di 1550 mq votati al puro benessere, dove design e alta tecnologia strizzano l'occhio a uno sfavillante passato. Piscina interna ed esterna, idromassaggio, solarium naturale, bagni di tepore e di vapore, sauna, stanza del sale, stanza relax con tisaneria, ma anche un'area attrezzata con innovativi macchinari cardio-fitness, trattamenti viso e corpo e molto altro ancora anche per i clienti non residenti. Tanto che proprio la Spa sarà protagonista dei numerosi eventi programmati per questa stagione primavera-estate dal Lido Palace, tra cui percorsi emozionali e un insolito percorso del gusto che vedrà l'abbinamento tra l'arte culinaria di chef Sestito e rituali di benessere incentrati sugli ingredienti proposti dalla cucina.
Tra le altre proposte spicca «Balìinsieme», appuntamento del giovedì presso il Balì Bar del Lido Palace, dove all'ora dell'aperitivo ci si può lasciar viziare da cocktail e appetitosi stuzzichini in un lussuoso ambiente indoor-outdoor. Tutti gli eventi e le informazioni relative all'hotel sono sul sito www.lido-palace.it.
E anche per chi desidera scoprire il territorio circostante è lo stesso Lido Palace a promuovere una serie di iniziative dal punto di vista culturale, artistico, enogastronomico e naturalistico anche nell'ambito del Garda Trentino e di accordi con il Mart di Rovereto o con il MuSe. Del resto non è un caso che questo magico hotel senza tempo continui ad essere, oggi come ieri, il primo albergo a cinque stelle del Trentino, grazie al suo fascino austero ma irresistibile e alla raffinata eleganza. Ammesso nel 2011 in «The Leading Hotels of The World», l'anno successivo si è classificato al primo posto nella quinta edizione del premio Internazionale Ischia di Architettura attribuito agli alberghi e alle Spa più belli del mondo. E nel 2013 il Certificato di Eccellenza Trip Advisor e l'Olimpo dell'ospitalità del Touring Club Italiano lo hanno dichiarato «Unico per posizione, per tradizione, per la qualità complessiva dell'offerta. Espressione di quella accoglienza italiana che affonda le proprie radici nel territorio culturale della Penisola. Un patrimonio dove il lusso è solo una componente».

Commenti