Nuove antenne a Levante

Un mercato che non conosce crisi, quello della telefonia mobile e che, visti gli aumenti esponenziali dei volumi di traffico, è sempre in cerca di nuovi siti dove posizionare le tanto temute antenne, antiestetiche ma tristemente necessarie a tener viva la rete di comunicazioni quotidiane. Nuove installazioni e accorpamenti in vista anche nel levante genovese dove, secondo le previsioni, saliranno a sei le antenne nel territorio del Municipio Levante. Questo il tema dell'incontro pubblico tra cittadini e gestori tenutosi nelle sale del Municipio di via Pinasco. Tanta la gente del quartiere presente per prender parte al confronto, durante il quale sono stati presentati i nuovi piani di sviluppo delle aziende che gestiscono la telefonia mobile e esposti i piani di intervento. Diverse le aree interessate dai lavori con cui, entro l'anno, si realizzeranno tre accorpamenti su antenne già esistenti.
A trasferirsi saranno Wind, che sposterà la sua postazione da via Antica Romana di Quinto a via Inferiore Colle degli Ometti, e Vodafone, che da via San Rocco di Nervi sceglierà una zona ai piedi della collina. Perplessi i cittadini presenti all'incontro che, nonostante le rassicurazioni, continuano a temere possibili impatti sulla salute causati dalle antenne.
«Sembra che le emissioni siano tutte nei limiti - spiegano alcuni abitanti della zona di corso Europa - non vorremmo però che fossero proprio i tetti massimi ad essere troppo bassi». Sarebbe meglio, stando al parere dei residenti, non concentrare le antenne ma razionarle sul territorio, a distanze adeguate l'una dall'altra. «Stiamo svolgendo una serie di monitoraggi - risponde Carleo - gli accorpamenti sono fatti proprio per limitare l'impatto ambientale». «Come volume metro il massimo è 6 e noi non superiamo l'1 - conclude Carleo - Ogni volta che c'è una perplessità chiediamo all'Arpal una verifica. Tutti dati che poi noi mettiamo a disposizione del pubblico, liberamente consultabili. Come Municipio abbiamo anche messo una centralina provvisoriamente in via del Chiapparo, da spostare di volta in volta dove c'è richiesta di verifiche».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti