Nuove piste, fat bike, locali stellati e offerte. Al via la stagione neve

A Courmayeur apre Le Massif un progetto che comprende hotel, ristoranti e baita. A Plan de Corones il museo Lumen

Cinzia Meoni

Con il Ponte dell'Immacolata la stagione della neve è entrata a pieno regime, ma fino a Natale e per tutto gennaio, si trovano ancora offerte interessanti sull'intero arco alpino per interrompere la routine quotidiana e sperimentare le novità della stagione.

A Courmayeur Mont Blanc debuttano due nuovi tracciati ad alta adrenalina nell'area dell'Arp da cui si può ammirare il versante sud del Monte Bianco. Gli sportivi più preparati e che non soffrono di vertigini possono cimentarsi sulla nuova pista nera che arriva a toccare una pendenza del 70%, praticamente perpendicolare. Il comprensorio rimane poi una delle mete predilette per gli amanti del freeride, lo sci fuoripista che si può sperimentare accompagnati dalle guide alpine della località, magari intraprendendo la traversata della Vallée Blanche, una discesa che si sviluppa sul ghiacciaio della Mer de Glace del Monte Bianco: 18 km tra guglie granitiche, crepacci e seracchi, con partenza da Punta Helbronner a 3.466 metri, raggiungibile con Skyway Monte Bianco e arrivo, al di là del confine italo francese a Chamonix. Per immergersi in un passaggio incontaminato e più raccolto, la Val Ferret è una meta ideale: qui si può passeggiare con le ciaspole ai piedi o provare a fare un giro in bicicletta, con le fat bike, bici dalle ruote gigantesche che permettono di fare presa sul ghiaccio, fortunatamente anche in versione elettrica, o infine ci si può mettere alla prova come novelli Jack London conducendo una slitta trainata da una muta di cani, una sleg dog per l'appunto. A fine giornata una pausa relax alle vicine terme di Près Saint Didier o al nuovo indirizzo di QC Terme a Chamonix, rimette subito in forma. Si può anche provare la spa di Le Massif, il nuovo hotel cinque stelle di Courmayeur, parte di un più ampio progetto immobiliare che coinvolge l'intera località e comprende, tra l'altro anche l'apertura di due ristoranti e della Baita Checrouit. Sulle piste riprende anche la stagione del Super G, il montain lodge resort di Plan Checrouit che fa di «eat, sleep, ride, après ski. Repeat» (mangia, dormi, scia, festeggia e ripeti da capo) il proprio motto dedicato agli ospiti più affezionati in beat&champagne. Qui si può anche dormire per ripartire, la mattina dopo, direttamente in pista.

Per gli amanti della «powder», la neve leggera come la cipria su cui sembra galleggiare, il paradiso è il comprensorio a cavallo tra Piemonte e Val D'Aosta che comprende Alagna, Gressoney, Champoluc (dove è entrata in funzione la nuova telecabina per il Crest) e, da questa stagione, anche l'Alpe di Mera. Qui fino al 23 dicembre e poi ancora dal 5 gennaio e al 10 febbraio e dal 16 marzo al 14 aprile, si possono esplorare le culture, i percorsi e le tradizioni che circondano la Gran Dama, il Monte Rosa. Con l'iniziativa «Sciare Gratis», trascorrendo almeno tre notti in una delle strutture convenzionate si può avere lo skipass gratuito o a metà prezzo.

Non occorre comunque essere amanti del lato «wild» della neve per godersi il comprensorio che, con i suoi 180 km di tracciati, compresa la leggendaria pista Olen (una nera di 4 km che scende da 2.880 metri fino a 2.050) offre tracciati divertenti per tutti. Novità anche sull'intero arco delle Dolomiti, oltre 1.200 km di piste accessibili con il Dolomiti Superski.

A Cortina si potrò scendere sulla nuova Panoramica Druscié, mentre a Plan de Corones le attese sono per il museo internazionale della fotografia di montagna «Lumen» e per il suo ristorante gourmet «Alpinn» dello chef stellato Norbert Niederkofler. L'area delle 3 Cime Dolomiti propone ben tre nuove piste (una variante della pista nera Kristlerhang, una che rientra presso l'area Croda Rossa e una pista blu). Spazio infine ai «foodies» al nuovo rifugio «Zin Fux» presso la cabinovia Signaue.

Fino 22 dicembre il pacchetto «Dolomiti Super Première» garantisce una giornata gratuita su quattro sia per il pernottamento sia per lo skipass. Una buona base di partenza per esplorare il territorio circostante, è Bad Moss Spa Resort dove, fino al 22.12, quattro notti in mezza pensione con skipass da 475 euro. Dal 6 al 27 gennaio il pacchetto «Dolomites Ski Paradise», prevede invece sette pernottamenti in mezza pensione e skipass da 980 euro.

Commenti