Avete più di 65 anni? Il taxi costa la metà

Novità per il bonus taxi per gli over 65, che prevede il rimborso del 50% della spesa sostenuta anche su Ncc, per un massimo di 20 euro a corsa: ecco i requisiti

Avete più 65 anni? Il taxi costa la metà

Se avete più di 65 anni, spostarsi in taxi costa la metà. Arriva infatti un bonus che prevede il rimborso del 50% della spesa sostenuta su taxi o Ncc, fino a 20 euro a corsa. La misura è stata pensata per agevolare gli spostamenti nelle grandi città delle persone con deficit motori e, più in generale, delle famiglie in condizioni economiche disagiate.

Come funziona il bonus taxi

L’agevolazione consiste nell’erogazione di un buono viaggio del valore complessivo di 200 euro, spendibile esclusivamente per le corse con taxi o auto a noleggio con conducente nelle grandi città. Il valore complessivo può essere utilizzato per la copertura del 50% del costo di corse effettuate in taxi/NCC, in misura non superiore a 20 euro per ciascun viaggio.

Se, ad esempio, l'importo della corsa è 50 euro, il valore del bonus è di 20 euro, quindi la corsa costerà 30 euro. Se, invece, l'importo della corsa è di 10 euro, il valore del bonus è di 5 euro e quindi la corsa costerà solamente 5 euro. In buona sostanza, l'entità dello "sconto" si calcola sulla metà della spesa per un singolo spostamento.

Chi può richiederlo

Il bonus è fruibile da parte di over 65 e persone con deficit motori. Tuttavia, possono richiederlo anche le donne in gravidanza, il personale sanitario e della scuola. Nello specifico, è destinato a:

  • famiglie con un Isee che non supera la soglia dei 20.000 euro;
  • persone con mobilità ridotta o necessitanti assistenza;
  • persone con disabilità o patologie accertate;
  • nuclei famigliari in stato di bisogno segnalati ai Servizi Sociali;
  • persone disoccupate o in cassa integrazione.

Tuttavia, i requisiti possono cambiare da una città all'altra trattandosi di un contributo legato all'emanazione di un bando comunale.

Come fare domanda

La domanda può essere presentata esclusivamente online e ciascun cittadino avente diritto può presentare richiesta soltanto una volta.

Nella domanda il richiedente, oltre a inserire i propri dati anagrafici, deve dichiarare sotto la propria responsabilità di essere in possesso dei requisiti indicati dal proprio comune di residenza, che danno diritto a ricevere i bonus taxi. Sarà poi l'amministrazione locale ad effettuare le verifiche del caso e procedere all'erogazione dei vaucher.

Il termine ultimo per la presentazione della richiesta varia da una città all'altra. Dunque, il consiglio è quello di verificare sul portale dell'amministrazione locale.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti