Palermo, l'Ismett supera quota 500 trapianti di fegato e vola in Europa

L'istituto di eccellenza siciliano entra nel circuito dei centri internazionali più attivi capaci di attirare i pazienti da altre regioni d'Italia e da paesi stranieri

L'Istituto mediterrano per i trapianti e terapie ad alta specializzazione di Palermo (Ismett) vola in Europa e conquista la palma di centro internazionale trapianti tra i più attivi del Vecchio continente. Un centro di riferimento importante capace non solo di dare cure di altissimo livello, ma pure di attirare pazienti dalle altre regioni d'Italia e d'Europa.
La settimana scorsa, con il trapianto di fegato numero 500 su un ragazzo israeliano di 16 anni, è stato raggiunto e superato l'importante traguardo del trapianto numero 500. Il paziente, giovanissimo, era a Palermo in attesa dal luglio scorso, e l'intervento rappresentava per lui l'unica speranza di sopravvivenza. Il trapianto è stato eseguito seguendo la tecnica dello split liver, che prevede la divisione in due dell'organo da trapiantare. Proprio grazie allo split liver è stato eseguito subito anche il trapianto numero 501, su un uomo siciliano di 36 anni.
Molto soddisfatto il direttore dell'Ismett, Bruno Gridelli: «Il superamento di 500 trapianti di fegato all'Ismett è un traguardo importante per la Sicilia e la rete nazionale. Quasi 400 di questi trapianti sono stati effettuati su pazienti siciliani. A Palermo sono anche arrivati pazienti di altre regioni italiane e 28 da altri Paesi, per lo più bambini trapiantati con la tecnica dello split liver, in cui il fegato di un donatore viene diviso in due parti (per un adulto e un bambino). Sono in tutto 106 i trapianti di fegato pediatrico eseguiti all'Ismett. Il partenariato pubblico-privato tra la Regione siciliane e Upmc ha consentito di fare della Sicilia un nodo importante della rete internazionale dei migliori centri di trapianto e di mettere a disposizione dei pazienti siciliani cure di altissimo livello».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.