Petralia Soprana, contributo economico e meno tasse per chi apre un negozio nel borgo

Il comune di Petralia Soprana ha approvato un nuovo regolamento per incentivare le aperture di nuove attività commerciali: 5 mila euro a fondo perduto e abbattimento dei tributi

Petralia Soprana, contributo economico e meno tasse per chi apre un negozio nel borgo

Cinquemila euro di contributo e tasse scontate per i prossimi tre anni. Ecco la nuova iniziativa voluta dal comune di Petralia Soprana, Borgo dei Borghi d'Italia e comune che si trova nell'area del Parco delle Madonie in provincia di Palermo. Obiettivo di questa iniziativa è quello di evitare il continuo spopolamento del borgo, incentivando la creazione di nuove attività commerciali che possano far tornare a nuova vita il centro storico del comune palermitano. "Oggi Petralia Soprana è al centro dell’attenzione e continuerà a esserlo per tanto tempo - ha detto il sindaco Pietro Macaluso - Per questo ci sforziamo giornalmente di creare opportunità per i nostri concittadini e allo stesso tempo di offrire il massimo e il meglio a coloro che vengono a trovarci. Idee come queste sono davvero impegnative per l'amministrazione, anche dal punto di vista economico, ma possono essere da stimolo e permettere gli investimenti di chi vive e abita in questo paese. Questi incentivi sono rivolti soprattutto ai giovani che potranno dar vita a nuove attività commerciali".

Il regolamento entrerà in vigore subito dopo la pubblicazione del bando che, come auspicato dal capogruppo della minoranza Francesco Gennaro, dovrebbe arrivare entro la fine dell’anno. Il contributo da erogare a chi sceglie di aprire una attività commerciale al dettaglio o artigianale nel centro storico, o di subentrare in essa, è di 5 mila euro. A questo va aggiunto, per i primi 3 anni di attività, l’abbattimento al 50% dei tributi locali come la Tari, la pubblicità, il canone idrico e la Tosap. Per la scelta dei beneficiari è stata anche predisposta una tabella di valutazione con criteri oggettivi in modo da non creare disparità. Per beneficiare del contributo sarà necessario presentare un progetto aziendale e l'erogazione dei soldi avverrà secondo precise modalità a stato di avanzamento dei lavori. La proposta è stata votata all'unanimità da tutto il consiglio comunale.

"Questo importante regolamento è frutto di un lavoro preparatorio che ci ha visti tutti impegnati, in sinergia con il sindaco, con la collaborazione del segretario comunale e dell'ufficio preposto - ha detto il presidente del consiglio comunale Leo Agnello - Una iniziativa che è stata condivisa da tutti i gruppi consiliari, prima in commissione e poi in consiglio e che è stata approvata unanimità. Auspichiamo di poter finanziare almeno una istanza entro la fine dell'anno". I comuni del Parco delle Madonie non sono nuovi a iniziative che cercano di contenere al massimo lo spopolamento. Gangi, sempre in provincia di Palermo, per esempio, aveva ideato la vendita delle case del centro storico a un euro. Un'iniziativa che ha fatto il giro del mondo.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti