Ruba all'ospedale e picchia poliziotto: arrestato un marocchino

Un marocchino fermato per aver rubato un borsone con materiale sanitario. Ma prima di essere arrestaso si è scagliato contro un agente.

Si è introdotto all'interno dell'ospedale Piemonte di Messina e ha rubato dal laboratorio medico un borsone contenente materiale sanitario dal valore di oltre quattromila euro. Per questo è stato arrestato dalla polizia della città dello Stretto, Souki Mourad, 44 anni, cittadino marocchino. Ma c'è di più. Perché per l'uomo è scattata anche la denuncia per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

L'uomo, con precedenti di polizia, domenica notte si è recato presso l'ospedale messinese. Il suo arrivo però, è stato notato dal personale sanitario. Che hanno seguito le sue mosse. Così Mourad si è introdotto all'interno del laboratorio, arraffando un borsone di colore scuro. All'interno era custodito materiale sanitario del valore di quattromila euro. A quel punto dall'ospedale è partita la telefonata alla polizia. Al centralino, è stata denunciata la presenza di un uomo che si stava allontanando con un borsone. Sul posto sono arrivate in pochissimi minuti le volanti della squadra mobile di Messina che in questo periodo, dovuto anche a verificare il rispetto delle norme volute dal governo italiano per la quarantena, stanno sempre di più presidiando il territorio.

Il marocchino è stato individuato subito dagli agenti. Appena si è accorto della presenza della polizia, il ladro si è dato alla fuga. Dopo un breve inseguimento, l'uomo è stato raggiunto. Lo stesso, opponendo resistenza con calci e pugni, si è scagliato contro un agente che, spintonato, è finito per terra procurandosi lesioni, successivamente giudicate guaribili in quattro giorni. Con difficoltà i poliziotti sono riusciti a bloccarlo e arrestarlo. Il borsone trafugato, contenente materiale dal valore complessivo di quattromila euro, è stato recuperato mentre il cittadino marochino, al momento si trova, su disposizione dell'autorità giudiziaria, presso le camere di sicurezza in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

Qualche tempo fa, a Cerignola in provincia di Foggia un caso simile. Un marocchino di 29 anni era stato arrestato per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. Per lui è scattata la condanna a un anno e quattro mesi di reclusione. Oltre che l'espulsione dal territorio italiano, visto che era anche risultato irregolare. Erano stati i carabinieri ad essere informati di un furto appena commesso presso il ripetitore Vodafone che si trova in contrada Mezzana Coperta a Cerignola. I militari, nel recarsi sul posto, hanno incrociato una Kia Sportage, con targa bulgara, che si stava allontanando dalla zona segnalata. Intuito che potesse trattarsi del responsabile del furto, i carabinieri hanno invertito la marcia per seguire l'auto sospetta. Il marocchino, alla guida del mezzo, alla vista dei militari ha accellerato nel tentativo di sfuggire ai controlli. Si è innescato, così, un pericoloso inseguimento fino a Stornarella, un altro comune in provincia di Foggia, dove il ladro è stato fermato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mimmo1960

Lun, 16/03/2020 - 15:41

Negli ultimi 10 anni abbiamo speso 20 miliardi di euro per l'accoglienza, ridateci i nostri soldi.

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 16/03/2020 - 15:43

Ditelo all'accogliente Fabio Fazio e ai suoi porti aperti.

jenab

Lun, 16/03/2020 - 15:43

povero marocchino, sarà morto di paura...con l'espulsione poi, se ne va subito dopo la condanna, senza pensarci de volte

rossoarciere

Lun, 16/03/2020 - 16:00

tranquilli. la risorsa boldriniana sara' subito scarcerata da qualche giudice !!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 16/03/2020 - 16:32

Forse è andato in "quarantena" anche il decreto sull'espulsione di chi viene nel nostro paese a delinquere?

blackbird

Lun, 16/03/2020 - 16:38

Nel primo caso di questo articolo, spero che l'individuo venga perseguito anche per la violazione del decreto anti-coronavirus. Nel secondo, dato che il tipo è irregolare, verificare dove risiederebbe e se l'abitazione è stata concessa in modo regolare- Visto inoltre che disobbedisce spesso, dovrebbe scontare la pena in carcere.

bernardo47

Lun, 16/03/2020 - 17:53

domattina lo metta fuori sig. giudice, mi raccomando...

gjallahorn

Lun, 16/03/2020 - 18:04

Lamorgese si deve svegliare, a fine condanna trasporto coatto nei paesi di origine, su charter come fanno i tedeschi! I costi li addebitiamo ai fondi per la cooperazione internazionale. Se qualcuno dei ns politici cerca di specularci con la scusa del "terzopportunismo" una bella denunzia per apologia di reato!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 16/03/2020 - 18:52

libbero subbito il gentile ospite dello sgoverno grullo pidiota ed amato dalle toghe rosse

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 16/03/2020 - 19:06

Certa gente andrebbe chiusa sei mesi in una cella 2 metri x due, acqua e cibo solo per la sussistenza e senza uscite d'aria, vedrete che appena uscirà la sua prima preoccupazione sarà quella di tornare al suo Paesello.

Ritratto di Mario96

Mario96

Lun, 16/03/2020 - 19:25

Con precedenti di polizia..... ma cosa ci fa gentaglia del genere in Italia? Come sono arrivati? Con i barconi?