A Napoli è rivolta contro lo Stato

Lancio di oggetti contro la polizia, tangenziale bloccata. La protesta per la morte di Davide diventa scontro

Napoli - È finito con scontri il corteo per protestare contro la tragica fine di Davide Bifolco (ucciso giovedì notte da un carabiniere al Rione Traiano). Era presente anche la madre del giovane, che si è sfogata «il carabinieri che l'ha ucciso marcisca in carcere, non deve avere un momento di pace per tutta la sua vita». Al termine della manifestazione circa duecento persone hanno bloccato via Cinthia nel punto in cui era avvenuta la tragedia. I dimostranti hanno scagliato al centro della strada alcuni cassonetti, poi hanno lanciato dei sassi contro le «divise». Un funzionario della Digos è stato malmenato da uno dei manifestanti ma in modo lieve. Le migliaia di auto ferme nel traffico hanno finito per costituire anche un «tappo» al vicino ingresso della tangenziale. Per il momento non ci sono arresti ma, la polizia visionerà i filmati per cercare di identificare i partecipanti ai disordini.

Intanto ci si chiede: ma quanti testimoni vivono al Rione Traiano? Cento? Mille? No, molti di più. Da due giorni è un via vai di cittadini che sfilano davanti ai taccuini dei cronisti e alle telecamere, per farsi intervistare sui fatti di giovedì notte, quando un appuntato dei carabinieri (indagato per omicidio colposo) ha ucciso Davide Bifolco, 17 anni, fuggito in moto all'alt dei militari, con il latitante Arturo Equabile e il pregiudicato Salvatore Triunfo.

Uno di questi presunti testimoni è Vincenzo Ambrosio, amico di Bifolco che, ai cronisti ha raccontato di essere lui il terzo ragazzo della moto. Lui e non Arturo Equabile come sostenuto dai carabinieri. «Non c'era nessun latitante in moto con Davide e Salvatore. Ero io a guidare: sono scappato perché non ho né la patente né l'assicurazione». A quando l'interrogatorio di Ambrosio? Poche ore prima del drammatico sparo, Equabile era già stato sorpreso poco lontano da casa mentre entrava in un'auto, dove si trovavano altri due uomini. All'alt dei militari il conducente della vettura aveva accelerato e ne era nato un inseguimento durante il quale qualcuno aveva lanciato dal finestrino un pacchetto. Dentro una pistola calibro 357 Magnum. Accertamenti sono in corso per cercare di risalire al proprietario dell'auto. Poi, intorno alle 2, i carabinieri, con l'appuntato che ha sparato accidentalmente (che aveva continuato a lavorare, anche se il suo turno era terminato a mezzanotte), vanno a casa di Equabile per un controllo. Mentre stanno lasciando l'edificio vedono il latitante saltare a bordo della moto, per darsi alla fuga. Inseguimento e il tragico sparo.

Sui fatti del Rione Traiano il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha ricordato che «fermarsi all'alt dei carabinieri é un obbligo». Invece, l'ex giustizialista Luigi De Magistris, da sindaco di Napoli ha espresso solidarietà ai familiari di Bifolco. «Siamo vicini alla sua famiglia in queste ore drammatiche».

Neppure una parola invece, nei confronti dell'appuntato. Il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro ha sostenuto che questo «é anche il momento per confermare la stima e il rispetto per il lavoro che fanno tanti ragazzi dei carabinieri e della polizia, nelle forze dell'ordine. C'è l'impegno di questi giovani tutti i giorni per difendere lo Stato e la nostra sicurezza con dedizione».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 07/09/2014 - 16:25

MANDATE I MILITARI IN QUESTO CASO NECESSITA UN PINOCHET ITALIANO.

dondomenico

Dom, 07/09/2014 - 21:11

Con tutto il rispetto e la comprensione del momento io vorrei dire alla mamma del giovane ...io ho 3 figli maschi ormai adulti, li ho educati insieme a mia moglie e non sono mai andati in giro di notte a fare scorribande in tre sul motorino; lei, signora, capisco che è addolorata ma é sicura di aver educato suo figlio secondo gli schemi di una società civile? C'é un proverbio che dice: Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei

dondomenico

Dom, 07/09/2014 - 21:21

Ho letto adesso la dichiarazione del sindaco de magistris, ex magistrato, la vergogna non ha limiti, caro sindaco, chiudi la bocca e cerca di mettere ordine nella tua città...anzi, vai con i tuoi Vigili urbani nei quartieri cosi ti rendi conto di come stanno le cose

boffodocet

Lun, 08/09/2014 - 12:07

I 3 centauri? bravissimi ragazzi, uno meglio dell'altro, rispettosi di tutte le regole civili e del codice della strada. I genitori? campioni nell'educarli, del resto la famiglia se no a che serve?. I vicini? tutta gente per bene e distinta che manifesta pacificamente e compostamente . Il sindaco? Il sindaco, si adegua... pur'isso tene na famiglia...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 08/09/2014 - 12:09

Quando vanno in giro in tre, senza casco, su un motorino che ne può portare uno, perchè ha i freni sono progettati e dimensionati per frenare 100 kg e non 300, che cosa deve fare una pattuglia di Carabinieri? Domanda retorica: fermarli, perché solo il fatto della fattispecie rappresenta un pericolo pubblico.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 08/09/2014 - 12:37

Quando vanno in giro in tre, senza casco, su un motorino che ne può portare uno, perchè i freni sono progettati e dimensionati per frenare 100 kg e non 300, che cosa deve fare una pattuglia di Carabinieri? Domanda retorica: fermarli, perché soltanto la fattispecie rappresenta un pericolo pubblico. Allora, se i tre scappano cosa deve fare la pattuglia se non inseguirli? E una volta fermati qual'è il dovere dei due agenti? Semplice: uno sta in macchina, prima che la fregano, e l'altro va ad arrestarli. Dato che l'agente è uno contro tre, che cosa deve fare, se non estrarre l'arma? Bene. E se i tre pericolosi elementi, almeno per la guida pericolosa, si dimenano invece di stare fermi per esibire i documenti, ma al contrario danno segni di ostilità, infatti uno dei tre rivendica a posteriori d'essere testimone oculare, ciò significa che era nascosto lì vicino, probabilmente armato e forse stava prendendo la mira, dunque rappresentava una potenziale minaccia per il povero carabiniere, che è pur sempre un lavoratore, si configura chiaramente un quadro di legittima difesa. Alla faccia del Giggino.

Giorgio5819

Lun, 08/09/2014 - 16:05

E'ora che l'Italia si rivolti contro questa citta' capitale dell'illegalità assoluta, cordoglio per la vittima, ma questa citta' e' l'emblema della peggiore anarchia e dello sprezzo professionale delle regole civili. Serve la mano pesante, devono imparare a vivere da persone civili e rispettare le regole come tutti, basta sorridere compiaciuti per la loro sregolatezza, pugno duro e leggi ferree, chi sgarra al gabbio.