Altro flop del vertice Ue "L'Europa è senza una politica sanitaria"

I premier navigano a vista: ipotesi lockdown continentale. E Michel ammette il fallimento

Il vertice dei capi di governo dell'Europa evoca, questa volta, i sussurri di una novena. È sera e ci si vede a distanza, ognuno collegato dalla sua capitale e tutti con quel senso di impotenza che pesa sulle spalle. Non poteva andare peggio. Un vecchio nemico si è ripresentato a sommare paura a paura, a chiedere sangue, scegliendo le vittime a caso, perché quello che conta è seminare morte. Non c'è solo il virus a segnare questa fine di ottobre. È l'autunno del terrorismo islamico, due parole che almeno in privato i leader delle nazioni riescono a pronunciare, perché nei comunicati ufficiali puoi anche smussare, fino a svanire, ma quando si parla non è facile girarci intorno.

L'Europa è fragile e purtroppo è questo il punto di partenza di qualsiasi discussione. Il primo contagio l'ha messa in ginocchio, il secondo è un calcio in pancia, la speranza sta diventando la merce più rara. Si ragiona su quello che si può fare. All'inizio dell'estate si diceva che un'altra quarantena sarebbe stata una carestia, da scongiurare in ogni modo. Adesso invece ci siamo. È così in Francia. È poco più morbida in Germania. È all'orizzonte in Spagna. Toccherà anche all'Italia e poi a seguire di terra in terra. La frase che ricorre è: «Il virus è una questione europea». Solo che ogni volta la questione europea non riesce a trovare una risposta. È stato così anche per l'immigrazione e per le varie crisi economiche di questi anni. Quando le cose contano davvero l'Unione si perde. È un difetto genetico. L'Europa sembra non fatta per essere unita o forse ci vuole solo pazienza.

Sul tavolo adesso c'è l'idea di un lockdown sincronizzato a livello europeo. Ma che significa in pratica? La Ue non può imporlo. È un suggerimento. È una speranza o una minaccia. È, molto più semplicemente, un modo per dire: cerchiamo di collaborare, di muoverci insieme, di sentirci ognuno parte di qualcosa di più grande, perché qui da soli non se ne esce. Appunto. Solo che bisogna fidarsi e come si è visto nessuno si fida. Si cerca di andare sulle cose concrete. Ursula Von Der Leyen, presidente di quella commissione che dovrebbe essere il governo della Ue, prova a indicare missioni in comune. Lavoriamo a un sistema di tracciamento dei contagi. Troviamo una cura, un vaccino, un sistema sanitario europeo. Non chiudiamo i mercati, non ci rinserriamo nelle nostre frontiere, non rinunciamo a essere una comunità. Ci prova e tutti la rassicurano, ma poi pensano ai propri elettori, a quello che dirà la gente, perché alla fine è lì che si perde il sogno europeo: i governi hanno paura del voto. Così alla fine non resta che ammettere il fallimento. Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, deve riconoscere che «l'Europa naviga a vista e non ha una politica sanitaria».

Non si trova neppure l'accordo sui soldi, per la ripresa, per ricostruire dopo la notte del Covid. I tempi del Recovery si allungano, un vertice dopo l'altro. Come vanno conteggiati i costi del debito? È su questo che si litiga. La domanda insomma è sempre la stessa: chi paga? Nel frattempo le metropoli europee, compresa Milano, chiedono più soldi. Tutti chiedono soldi.

Il risultato è che da questi vertici alla fine uscirà un protocollo e una manciata di raccomandazioni. Come con il terrorismo: «Siamo uniti e fermi nella nostra solidarietà con la Francia». E così sia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

okorop1

Ven, 30/10/2020 - 10:05

L'UE è solo l'Europa delle banche e dei banchieri degli speculatori finanziari stop, indi per cui per i comuni mortali non esiste.,....

Giorgio5819

Ven, 30/10/2020 - 10:23

La ue é un'entità che non esiste, serve solo a succhiare soldi, ma non produce niente.

caren

Ven, 30/10/2020 - 11:14

A sentire qualcuno, la U.E. è la salvezza di tutti i popoli, a prescindere.

carpa1

Ven, 30/10/2020 - 11:19

Non ha una politica sanitaria!? Perchè, ha forse una politica fiscale? Ha forse una politica estera? Ha forse una politica migratoria? Ha forse una politica di difesa? Ha forse una .... POLITICA? Ma fateci il piacere! Quando va bene sforna delle regole che, anzichè sostituire quelle nazionali, fa loro da cappello aumentando così a dismisura una burocrazia già di per sè deleteria e soffocante. Un'europa che ha messo all'angolo la Russia, paese appartenente al continente europeo non solo geograficamente ma soprattutto culturalmente molto più di altri paesi che si dichiarano europei; è semplicemente ridicolo che a professare radici e cultura cristiana abbiamo una Russia fuori dall'europa ed un Vaticano che sta abbandonando il cristianesimo per abbracciare non si capisce quale dottrina (vorrei dire il comunismo della ex Russia). Ecco perchè questa europa non ha alcun futuro e prima si scioglie meglio sarà per tutti.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 30/10/2020 - 11:34

E' peggio la politica UE dell'immigrazione ed accoglienza. Molto ma molto peggio.

Uncompromising

Ven, 30/10/2020 - 11:35

Non si preoccupi, signor Michel: l'importante è che abbiate un ottimo stipendio, laute prebende, bei vestiti, maggiordomi al Vostro servizio, e siate sempre sorridenti nella condivisione... della Vostra pacchia.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Ven, 30/10/2020 - 12:31

Esatto okorop1, la UE è stata creata per i finanzieri e non per i popoli europei. D'altronde proprio i soliti finanzieri internazionali risultarono i veri vincitori della WW2, quindi sono loro che ci hanno imposto questa schifezza UE con la complicità di governi che non hanno mai fatto consultazioni referendarie. Per questo la UE non ha alcuna politica comune per faccende importanti quali l'immigrazione, la difesa e ora la sanità.