Anche i 5s già rinnegano la linea ufficiale. Proposti agli alleati Di Maio e Patuanelli

Crimi su posizioni opposte alla maggioranza del partito. Le mosse di Dibba

Siamo nella notte tra martedì e mercoledì. Alle due, dopo tre ore e mezza di riunione, il reggente Vito Crimi apre il suo microfono su Zoom e detta la linea. «Allora, mi pare di capire che l'indicazione che arriva dai gruppi parlamentari è quella di andare avanti con Conte e mai più con Renzi, giusto?» Deputati e senatori, assonnati e rassegnati, escono dallo streaming. Un eletto di Montecitorio al Giornale racconta la sua frustrazione. «È assurdo quello che è successo durante l'assemblea congiunta, per più di tre ore in tutti gli interventi abbiamo ripetuto che bisognava aprire a un dialogo con Renzi perché con i responsabili non ci sono i numeri e poi Crimi si presenta alla fine per tirare le somme e dice tutto il contrario», sospira la nostra fonte. E non si tratta di una spaccatura. Perché stavolta la maggioranza schiacciante dei parlamentari ha detto che non si deve andare a votare. Quindi non ha senso nemmeno impiccarsi a Giuseppe Conte, questo è il ragionamento della truppa. Insomma, tocca tenere aperti tutti i canali. «Guarda, alla fine noi ci prenderemmo anche Mario Draghi», ci dice un parlamentare del M5s in un impeto di pragmatismo. Ma allora per quale motivo i vertici del M5s insistono con Conte e mai con Renzi? Si tratta più che altro di un modo per prendere tempo in attesa degli sviluppi della crisi. Dall'altro lato della maggioranza, lo conferma anche un autorevole senatore del Pd. «Penso che dopo il primo giro di consultazioni si sbloccherà la situazione, ci vuole pazienza», spiega.

Quelli del «mai più con Renzi» sono una minoranza rumorosa nel M5s. Si fa sentire Barbara Lezzi, senatrice e pretoriana di Alessandro Di Battista in Parlamento. «Avanti con Conte e fuori Renzi. Altrimenti il M5s non ci sta», sentenzia l'ex ministra. Dibba commenta: «Chapeau». Nel Movimento fioriscono le interpretazioni che vedono un Di Battista in vena di creare problemi al Senato con l'obiettivo di andare a votare e ricandidarsi. Gli aperturisti cominciano a prendere posizione in chiaro. Il deputato Giorgio Trizzino al Corriere della Sera dice: «È vero che esistono forti remore a riaprire il dialogo con Renzi ma io ritengo che sia corretto farlo nell'interesse del Paese». Sergio Battelli, presidente commissione politiche Ue alla Camera, lo ribadisce in un breve colloquio con Il Foglio. «L'obiettivo principale è allargare la maggioranza all'interno di perimetro chiaro, se Italia Viva accetterà questi patti potrà rientrare non essendo più determinante», riflette Battelli. I più contrari al dialogo con Renzi sono proprio al Senato, dove i numeri del governo sono risicati. Secondo alcune voci riportate dall'Adnkronos addirittura la senatrice Laura Bottici, molto amica di Beppe Grillo, sarebbe arrivata a dire: «Meglio con Forza Italia».

Il punto, ragionano nello stato maggiore, è che ora sono fondamentali tutti i voti. A Palazzo Madama i circa dieci oltranzisti sono decisivi. Crimi si muove su un campo minato. Ma terminato questo giro di consultazioni, il M5s potrebbe tirare fuori il coniglio dal cilindro. L'unica soluzione che non spaccherebbe il partito prevede un premier pentastellato a Palazzo Chigi. Nel Movimento se ne discute, si fanno arrivare anche messaggi in bottiglia al Pd e ai renziani. E allora: «Voi preferireste Di Maio, Fico o Patuanelli?» Il titolare del Mise piace, ma nelle ultime ore salgono le quotazioni di Fico. «Sarebbe una novità perché non ha fatto il ministro né nel Conte uno né nel Conte bis», dicono i suoi sponsor. Al momento tutto resta sotto traccia. Carla Ruocco, deputata M5s e presidente della commissione d'inchiesta sulle banche, nega: «Conte è l'unica figura autorevole che potrebbe continuare a governare».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 28/01/2021 - 10:22

questi BABBEI COMUNISTI GRULLI sono nel panico, e le persone in panico spessissimo assumono atteggiamenti che fanno a pugni con la logica.... :-) DA EVITARE !!!

Ritratto di marmolada

marmolada

Gio, 28/01/2021 - 10:52

Ah i 5S...quelli che ogni giorno rinnegano tutto pur di non staccarsi dalla poltrona..ahhh sempre loro! Sono un movimento di svergognati che in 2 anni sono diventati più casta della casta che promettevano di abbattere!! Vergognateviii!!

Klotz1960

Gio, 28/01/2021 - 10:56

Di Maio, Patuanelli, Figo, Cartabia.... 3 politicanti da 4 soldi ed una giudice senza la minima esperienza e formazione di Governo....Povera Italia!

Calmapiatta

Gio, 28/01/2021 - 10:57

Il timore, fondatissimo, dei dirigenti (o presunti tali) del Movimento è proprio che il partito si possa frammentare nel voto su qualche altro candidato. Premesso che lo scopo, ormai chiaro, è mantenere le terga sulla poltrona, è molto probabile che molti siano disposti a votare chiunque pur di mantenere i benefici.

tosco1

Gio, 28/01/2021 - 11:00

Francamente se ne erano viste tante di giravolte di indirizzi economico-politici rinnegati, ,in contrasto ai programmi esposti in fase di elezioni, ma i 5 stelle acquisiranno il primato di tutto cio'.Della serie : cosa si fa per la pagnotta.E'un comportamento che si nota in ogni cosa che fanno. Usano ogni tipo di colla ,per rimanere, per non votare,per non affrontare un destino di insicurezza senza gli assegni dello stato.La mia logica cerebrale mi ha sempre portato a immaginare il Palazzo di Roma dove si annida il potere , come un mercatino dell'usato, del vecchio,dello stantio. Ora ,con loro , con il nuovo da loro portato, il mio cervello sempre logico mi fa immaginare un grande mercatino delle pulci. E il mio cuore italiano, ne soffre ed aspetta l'ora dei miei diritti costituzionali che derivano dal voto. A presto, quindi.

Rcorvaglia230

Gio, 28/01/2021 - 11:01

mortimer mortimer mortimer ---l'unica cosa da evitare è la sua insolenza e scostumatezza..... BABBEO DESTROIDE GRULLO

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 28/01/2021 - 11:07

Ma in che mani siamo?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 28/01/2021 - 11:08

@Calmapiatta - finalmente hai capito che persone hai votat oe parteggiato finora, se non loro, alrti che ne condividono quest ogoverno sciagurato.

Calmapiatta

Gio, 28/01/2021 - 11:32

@Leonida55 scusami, ma credo che tu non abbia ben compreso come la penso. Non esiste nulla di più lontano da me del M5s e della retorica ipocrita e falso rivoluzionaria di Grillo. Io alle politiche non ho proprio votato per un mio personale e totale disgusto per questa politica priva di idee, progetti e leader, fatta solo di slogan e sterile contrapposizione.

signorrossi1

Gio, 28/01/2021 - 12:15

c'è sempre l'opzione di andare a consegnare le pizze da asporto

Happy1937

Gio, 28/01/2021 - 12:20

È l'ora di piantarla con le persone inadatte e non capaci ( quasi tutti) o senza precedenti esperienze (Patuanelli). Se non accettano Draghi, ci diano almeno una persona adeguata come Cottarelli. Con tutti gli altri manderemo a Bruxelles dei piani che non ci faranno arrivare neppure un cent del fantastiliardi vanitosamente sbandierati dal pavone Giuseppi.

DRAGONI

Gio, 28/01/2021 - 12:27

IL CONTENUTO ECONOMICO, IN PERICOLO EVIDENTE, DELLE LORO POLTRONE LI PORTA A RINNEGARE I LORO PRICIPI ED AD ESSERE PRAGMATICI.

Iacobellig

Gio, 28/01/2021 - 13:05

IGNORANTI ALLO SBARAGLIO E SUPER PAGATI OGNI MESE!!!

Rcorvaglia230

Gio, 28/01/2021 - 13:14

Ma in Parlamento ci sono deputati e senatori del vostro ed altri schieramenti, che vi siedono da anni per non dire decenni e che in momenti simili tiravano l'acqua al proprio mulino, mentre qui per un ottuso senso dell'appartenenza, continuate a criticare le forze politiche che non vi sono vicine ideologicamente come poltronari. Comunque ideali a parte sfido chiunque dei commentatori a giurare che se fossero in situazioni simili rinuncierebbero, invocando nuove elezioni, a circa 300milioni di euro. Poi visto che, nei vostri sproloqui poltronistici,parlate di poltrone, quest'ultime poltrone sono diminuite di un terzo, grazie all'azione e volontà del movimento 5 stelle.

jaguar

Gio, 28/01/2021 - 13:17

Bella la foto, Di Maio sta pregando che non riaprano gli stadi.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 28/01/2021 - 17:02

Di Maio con le mani in preghiera. Chiede di poter rimanere in servizio nel parlamento dei più furbi, gli M5S!