Ancora scontri, tre poliziotti feriti

New York, nella notte agente pugnalato. In totale 10mila arresti

Ancora scontri, tre poliziotti feriti

New York Rimane alta la tensione negli Stati Uniti mentre proseguono le proteste per l'uccisione dell'afroamericano George Floyd a Minneapolis. Decine di migliaia di persone sono scese in strada in tutto il paese, e se di giorno le manifestazioni sono nella stragrande maggioranza dei casi pacifiche, è con il calare dell'oscurità che la situazione si complica e degenera: l'ordine di coprifuoco in vigore in almeno 40 città Usa è molto spesso disatteso, e rimangono numerosi i casi di scontri e violenze.

Dall'inizio delle proteste oltre 10 mila persone sono finite in manette, e il segretario alla Giustizia William Barr ha spiegato che le autorità hanno effettuato anche 51 arresti per crimini federali legati alle rivolte, accusando delle violenze gli Antifa, la frangia di estrema sinistra, e agitatori di «diverse convinzioni politiche». Inoltre, continuano anche le indagini per l'omicidio di Floyd da parte della polizia. «Mentre la stragrande maggioranza degli agenti svolge il proprio lavoro coraggiosamente e con giustizia, è innegabile che molti afroamericani non abbiano fiducia nel nostro sistema giudiziario - ha detto Barr - Questo deve cambiare».

Nel frattempo è emerso come l'agente che ha ucciso un giovane a San Francisco lunedì nelle proteste aveva scambiato il suo martello per una pistola. Quando una pattuglia è intervenuta per fermare il saccheggio di un supermercato, il 22enne Sean Monterrosa si era inginocchiato a terra tenendo le mani sulla vita, vicino ad un martello inserito nella tasca della sua felpa. Un agente, pensando si trattasse di un'arma, ha esploso cinque colpi e lo ha ucciso. A New York, invece, almeno 90 persone sono state arrestate nella notte tra mercoledì e giovedì. Scontri e tafferugli si sono verificati in diverse zone della città, anche nell'Upper East Side di Manhattan, già presa di mira dai saccheggi di lunedì sera.

A Brooklyn, invece, tre agenti della polizia sono rimasti feriti poco prima della mezzanotte nel quartiere di Flatbush. Secondo quanto riferito dalle autorità, un poliziotto è stato pugnalato al collo e altri due sono stati colpiti da proiettili alla mano. «Tutti gli agenti dell'Nypd sono in condizioni stabili e dovrebbero riprendersi», ha spiegato il commissario Dermont Shea. Mentre il sospettato è in condizioni critiche. Due poliziotti erano stati inviati per mantenere l'ordine nel quartiere e verso le 23.45 un uomo li ha attaccati estraendo un coltello e pugnalando uno di loro nella parte sinistra del collo. Poi ha rubato una pistola ai due poliziotti e ha ferito altri due agenti che sentendo degli spari sono accorsi sul posto.

Intanto, la popolare catena di grandi magazzini Walmart ha deciso di sospendere la vendita di armi e munizioni in alcuni suoi negozi come misura precauzionale dopo i saccheggi verificatisi durante le proteste.

Commenti